Google+

Sono Paperon de’ Paperoni e non lo sapevo. Ora mi compro l’Inter e do un lavoro a Moratti

novembre 17, 2016 Luigi Amicone

Repubblica mi mette nella top ten dei consiglieri più facoltosi. In effetti di quattrini ne ho molti di più di Milly che dichiara un reddito pari a 0 (zero!)

moratti-milly-massimo-ansa

Tra i principi cardine di ogni buon giornalismo dicono ci sia l’imparzialità e la completezza della notizia. Sulla prima possiamo ammettere che non succede neanche su Marte. Sulla seconda, invece, bisogna riflettere bene. Perché quando dici albero delle sberle e pensi a Donald Trump, dici e pensi a tutti quei tromboni, agitatori, minculpop, che dicono che il loro lavoro è dare notizie e fare inchieste, mentre è ormai chiaro che assolvono il ruolo di travet, cinghie di trasmissione e pennacchi del politicamente corretto. Ovverosia la forma di comunicazione più spiccatamente disinformativa, ipocrita, padronale. È quello che capita molto spesso anche ai grandi giornali della provincia italiana.

E a proposito cito Repubblica perché oggi, in ritardo su Libero di una settimana (il che giornalisticamente significa aver preso un “buco” colossale da un concorrente), in una paginata su Milano dal titolo “Consiglieri e assessori, la top ten dei più ricchi”, infila il sottoscritto, con relativa fotina, tra gli Zii Paperoni. In quanto, da direttore di Tempi ho denunciato e naturalmente messo sul sito del comune di Milano (atto dovuto, trasparenza) i 121 mila euro di reddito 2015 e i 6 mila di rendicontate e certificate spese di campagna elettorale.

Mi verrebbe per prima cosa da segnalare, per lezione numero uno di giornalismo e completezza di informazione che, a quanto pare, sono più ricco di Milly Moratti. La quale dichiara un reddito pari a 0 (zero!) e però ha speso per un mese di campagna elettorale 64 mila euro. Cioè, lezione numero due di giornalismo e completezza di informazione, quanto guadagno io, il sottoscritto, in un anno, al netto delle tasse.

Lezione numero tre e proposta giornalistica per un prossimo titolo di Repubblica: ma se Amicone è nella top ten dei ricchi e guadagna più di Milly Moratti, perché Amicone non si compra l’Inter, ridà un lavoro da presidente nerazzurro al povero petroliere Moratti e così fa un regalino alla piccola fiammiferaia e collega consigliera Milly?

Infatti, lezione giornalistica numero quattro, se si fanno veramente i conti in tasca a zio Paperone Amicone si troverà questo: 121 mila lordi, equivalenti, al netto, alla mesata di campagna elettorale di Milly Moratti. Ora, a quei 60 netti e passa, togli i 24+6, netti, di muto e spese prima casa (muto acceso a 50 anni, sapete, non sono poveraccio come Milly).

Fatto il conto? Ecco, nella disponibilità di Zio Paperone Amicone ci sono, netti, all’anno, 30 mila tondi tondi. Però. Però a questi toglici qualcosina di mantenimento della moglie e dei cinque figli a carico. Chi in età scolare, chi all’università, chi alla ricerca di lavoro. Fate i conti perbene, lezione di giornalismo numero cinque e, prima o poi, albero delle sberle che viene giù anche dalle parti di Repubblica, e vedete voi se non è il caso di insultare il governo ladro e mettere mano al portafoglio.

A questo punto, come giustamente segnalò Libero (che ha dato buca a Repubblica e schiaffeggiandola con l’anticipo di una settimana sulla notizia), questo Amicone merita una colletta da terremotato in mutande. E finalmente, l’ultima lezione la darà il Trump che verrà – verrà, vedrete – verrà anche in Italia e in Europa. Verrà a scrollare gli alberi delle sberle e a farle venir giù tutte quante, in faccia allo Stato ladrone, ipocrita e politicamente corretto almeno quanto i suoi reggicoda dalla penna finto poveraccista e “alla ortobiologica michelle obamiana”.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana