Google+

Sono in troppi a pensare che la vittoria dei ribelli in Siria condurrà alla pace

maggio 12, 2013 Luigi Amicone

A Mosca non si lasciano suggestionare: «Siamo preoccupati dai segnali di preparazione dell’opinione pubblica mondiale per un possibile intervento armato» in Siria

Il nostro Casadei è stato uno dei primi a scriverlo nei suoi reportage da Damasco (vedi i numeri 9 e 10 di Tempi). Adesso è Carla Dal Ponte, capo degli investigatori Onu, a certificarlo: «In Siria non ci sono buoni o cattivi». Non solo. Provocando le ire della Casa Bianca, Dal Ponte ha spiegato alla radio svizzera che «per il momento noi abbiamo solo elementi sull’uso di armi chimiche da parte dagli oppositori. Sarin. Gas nervino».

Adesso è più chiaro perché anche l’erede di Chávez ha scandalizzato le stelle del giornalismo progressista europeo (Le Monde ed El País) dichiarando che il Venezuela resta al fianco di Assad. «Dopo che l’Europa ha distrutto la Libia, chi detiene il potere militare in Libia e invia migliaia di combattenti in Siria? Al Qaeda». D’altronde perfino l’obamiano e premio Pulitzer Thomas L. Friedman ha appena stigmatizzato sul New York Times l’idea diffusa di una “primavera araba” paragonabile a quella che all’Est provocò la caduta del Muro. «Nel mondo arabo le dittature avevano annullato le forze settarie, tribali e islamiste, oltre che le aspirazioni democratiche». Ora, pensare come troppi pensano che nella guerra civile siriana la vittoria degli uni o degli altri condurrà alla pace, «that is a fantasy».

Intanto, Washington ha ottenuto dall’Onu una presa di distanza dal commissario svizzero. «La Commissione desidera chiarire di non aver trovato prove conclusive sull’uso di armi chimiche nel conflitto siriano né dall’una né dall’altra parte». Ma a Mosca non si lasciano suggestionare: «Siamo seriamente preoccupati dai segnali di preparazione dell’opinione pubblica mondiale per un possibile intervento armato nel lungo conflitto interno siriano».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. marzio says:

    Se in Siria vinceranno i “ribelli”, avremo un’altro focolaio di islam fondamentalista, e le prime vittime saranno purtroppo i siriani stessi. La favoletta delle “primavere arabe” non convince piu nessuno, ormai.Grazie a Luigi Amicone per l’articolo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download