Google+

Sondaggi: il centrodestra vince se si presenta unito

febbraio 6, 2014 Chiara Rizzo

Secondo due delle ultime rilevazioni, Fi unita all’Udc di Casini e all’Ncd di Alfano raggiungerebbe la vittoria, anche al primo turno di un ipotetico Italicum. Un terzo sondaggio dà le due coalizioni in pareggio

Le ultime rilevazione di Demopolis per La7, pubblicate il 4 febbraio, danno il centrosinistra (Pd+Sel+Psi) al 35,4 per cento. Il centrodestra (Fi+Ncd+Udc+Lega+Fratelli d’Italia) è al 35,2 per cento. Il Movimento 5 stelle al 22 per cento. Il tutto avverrebbe con un affluenza alle urne del 66 per cento, in rialzo, e con una percentuale di elettori ancora indecisi del 17 per cento. Demopolis prosegue il sondaggio chiedendo agli intervistati anche per chi voterebbero se fosse in vigore l’Italicum, e nessuna coalizione raggiungesse al primo turno il 37 per cento dei voti: in questo caso, tra gli intervistati ci sarebbe una migrazione dei voti soprattutto verso il candidato del centrosinistra Matteo Renzi, al 54 per cento.
Alla domanda su quale lista alla Camera voterebbero oggi gli intervistati, Demopolis segnala che il 32 per cento ha risposto Pd, il 22 per cento M5S, il 21,6 per cento Forza Italia, un 6,4 per cento complessivo per Ncd e Udc, il 3,7 per cento per la Lega, il 3 per cento per Fratelli d’Italia, il 2,9 per cento per Sel.

IPSOS: VITTORIA AL CENTRODESTRA AL PRIMO TURNO. Il sondaggio di Ipsos per Ballarò del 3 febbraio ha dato risultati leggermente diversi, segnalando un sorpasso invece del centrodestra, al 37,8 per cento (quindi, con l’Italicum, in vantaggio al primo turno) nella coalizione formata da Fi+Ncd+Udc+Lega+Fratelli d’Italia e altri. Il centro sinistra (Pd+Sel+altri, tra cui Psi, Rifondazione comunista, Italia dei valori, Verdi) al 36,3 per cento.
Più nel dettaglio, per le intenzioni di voto alla Camera, il 33,3 per cento risponde Pd, che si attesta come il primo partito, il 23,4 per cento risponde per Forza Italia (secondo partito), e il Movimento cinque stelle è dato al 21 per cento.
La differenza la fanno quindi le coalizioni con i piccoli: la riunione della diaspora dei partiti di centrodestra è più “vantaggiosa”. Si segnalano in particolare l’Udc al 2,6 per cento, Ncd al 5,8 per cento, la Lega al 3,3 per cento e Fratelli d’Italia al 2,4 per cento. Nello schieramento di sinistra Sel è al 2,6 per cento, Rifondazione al 1,1 e l’Idv al 0,4 per cento. Scelta civica, a se stante, è al 2,1 per cento. Interessante notare nel sondaggio Ipsos che alla domanda come definiribbero la legge elettorale nata dall’accordo tra Renzi e Berlusconi, il 46 per cento ha risposto “positiva”.

EUROMEDIA: IL SORPASSO DI BERLUSCONI. Euromedia Research nel sondaggio pubblicato il 3 febbraio, vede la coalizione di centrodestra nettamente avanti di 4 punti percentuali al 36,3 per cento, contro quella di centrosinistra al 32,4 per cento. Anche in questo caso, la differenza la fanno i piccoli. Nel dettaglio è più riavvicinato lo scarto tra i singoli partiti con Pd al primo posto al 28,7 per cento, Fi al secondo con il 22,5 per cento e Movimento cinque stelle al terzo posto con il 22,3 per cento. Nel centrodestra Ncd si attesta al 3,7 e la Lega al 3,9, poi Fratelli d’Italia e altri ex An al 2,1 per cento. L’Udc è al 2,5 per cento, mentre Scelta civica (che corre da sola) all’1,5 per cento. A sinistra Sel è al 3 per cento, i Verdi all’1,4 per cento, e gli altri piccoli partiti di centrosinistra allo 0,7 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    penso che al momento del via della campagna elettorale il segretario renzi scatenerà una propaganda d’altri tempi, puntando sul fattore generazionale, apparendo come “innocente” riguardo al periodo negativo in cui stiamo (e anche a ragione), ma i provvedimnnti che vuole portare non sono poi così diversi da quelli di bersani (ius soli e tassazione del risparmio privato). berlusconi troverà pane per i suoi denti perchè tra il vecchio e il giovane prima o poi il giovane vince.

    • mike says:

      intanto la cosa buona è che grillo è indagato per istigazione a delinquere. anche non va in carcere era ora che qualcuno gli facesse capire che oggi non servono politici che fanno solo casino. e che sono ipocriti (parla male del finanziamento pubblico e di chi ruba, certo lui è venuto fuori da poco e comunque ha i soldi di Casaleggio e di internet, che non sono bruscolini).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download