Google+

Sondaggio: gli italiani si fidano sempre più della Chiesa e vogliono più scuole paritarie

dicembre 30, 2013 Redazione

Secondo un’indagine Demos pubblicata da Repubblica crolla la fiducia nelle istituzioni politiche e nell’Europa. La Chiesa passa invece da un gradimento del 44,3% (2012) all’attuale 54,2%

La crisi economica schiaccia, le tasse soffocano, i servizi sono per lo più inefficienti, i politici inconcludenti. Sono le opinioni degli italiani emerse nella XVI indagine Demos pubblicata questa mattina da Repubblica. Ma se crolla la fiducia verso le istituzioni politiche e di governo aumenta (e non poco) quella verso la Chiesa. Forse grazie alla capacità di papa Francesco di farsi amare e comprendere da tutti, la percentuale di persone che dichiara di avere molta o moltissima fiducia nei confronti della Chiesa è passata dal 44,3 del 2012 al 54,2: più 9,9 per cento. In tempi tanto incerti e insicuri, accanto alla Chiesa troviamo l’associazione degli imprenditori (+8,7 per cento), ma soprattutto le forze dell’ordine con il 70,1 per cento di consensi (+3,6).

NO AI PARTITI E PURE ALL’EUROPA. Il resto di organizzazioni, associazioni, gruppi sociali e istituzioni non si salvano dal discredito della popolazione. Tutte le sedi del governo centrale e locale, rispetto allo scorso anno hanno perso credito. Lo Stato ha il 18,9 per cento dei consensi (-3,5 per cento); le Regioni il 21,7 per cento (-2,8); i Comuni il 31,6 (-6,2), Anche il presidente della Repubblica ha pagato il ruolo da protagonista degli ultimi mesi: dopo aver raggiunto il massimo consenso nel momento della sua rielezione, ora è sceso del 5,6 per cento, e solo il 49 per cento della popolazione ha ancora fiducia in lui. In generale, la fiducia verso queste istituzioni è passata dal 41 per cento del 2005 al 24 per cento di quest’anno.
Gli attori della rappresentanza democratica appaiono delegittimati: i partiti, rispetto al 2012, hanno perso un altro 0,5 per cento della fiducia e ormai sono stimati solo dal 5,1 per cento degli intervistati. E se la magistratura fa segnare mezzo punto percentuale in più rispetto alla precedente indagine, va comunque ricordato che il consenso di oggi (39,7 per cento) è comunque lontanissimo dai livelli raggiunti negli anni di Tangentopoli quando sfiorava il 70 per cento. E se un tempo per difendersi dalla Stato ci si affidava all’Europa, oggi non è più così. Anzi, pare che il problema sia anche difendersi dall’Europa. La fiducia in Bruxelles (32,3) è crollata di 11,2 punti in un solo anno e di quasi 20 rispetto a 10 anni fa.

PROPENSIONE AL PRIVATO. In questa situazione è aumentato l’indice di propensione al privato che è passato dal 21 per cento al 26. In particolare, le persone che ritengono che bisognerebbe ridurre il peso dello Stato nella gestione dei servizi sociosanitari e lasciare più spazio alle strutture private sono passate dal 17,2 per cento al 18,9. Stesso discorso per la gestione dell’istruzione: dal 10 per cento del 2012 al 16,4 di oggi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Andrea scrive:

    Quando fa comodo, la Repubblica si cita

    • beppe scrive:

      perchè dovendo riferire dei semplici numeri e non fumose opinioni è un po’ difficile prendere in giro i suoi lettori, che sono già stati abbondantemente ubriacati dal predicozzo domenicale del padreterno de voialtri.

    • Antonio scrive:

      quando non scrive vaccate e balordaggini gratuite. Molto, molto, molto di rado.

      • Francesco scrive:

        perchè è capitato che abbia scritto cose sensate? … me le sono perse allora… cavolo, che peccato!

        • luca scrive:

          non preoccuparti non le avresti capite in ogni caso… come non capisci quando la persona con la quale parli non sta dicendo nulla se non combinazioni senza senso delle parole: amore, comprensione, anima, dio, cielo, bambini e cuore…. praticamente ad ogni disposizione di queste parole acclamate e piangete senza domandarvi se hanno senso nel discorso e o se ha senso il discorso in generale, esempio:

          il cuore dell’anima di dio è prova di amore e comprensione
          la comprensione del cuore di dio è l’anima dell’amore
          l’amore di dio è comprensione dei bambini
          bambini cuore dio amore amore comprensione dio amore

          tutto uguale, voi piangete e acclamate, magari chi lo dice è un assassino ma chi se ne frega, voi lo amate per queste parole!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana