Google+

Someone like you, una hit per l’aldilà

ottobre 17, 2012 Elisabetta Longo

L’ultimo ad aver vinto il titolo di “cantante da funerali” è stato un paio d’anni fa James Blunt, che con i suoi occhi azzurri cantava straziato Goodbye my lover, e per questo era stato scelto dagli inglesi che dovevano salutare un loro caro. Qualche anno prima era stato il turno di My heart will go on […]

L’ultimo ad aver vinto il titolo di “cantante da funerali” è stato un paio d’anni fa James Blunt, che con i suoi occhi azzurri cantava straziato Goodbye my lover, e per questo era stato scelto dagli inglesi che dovevano salutare un loro caro. Qualche anno prima era stato il turno di My heart will go on di Celine Dion, per evidente feeling con quel Jack che andava a picco sotto gli occhi dell’amata. Regina dei funerali inglesi del 2012 è invece Adele, con la canzone che le ha fatto conquistare parecchi Grammy, Someone like you. A raccontare di questa stramba classifica è la Funeralcare, la più grande azienda di pompe funebri inglesi, che si occupa anche di organizzare le feste di addio in cui Adele risuona sempre più spesso.

IL LENNON VIETATO. Il dato diffuso da Funeralcare si basa sulla percentuale totale di canzoni volute dai famigliari del defunto, su oltre 30mila cerimonie funebri organizzate quest’anno. Dal 2005 a oggi, inoltre, la richiesta di inni tradizionali religiosi è calata del 30 per cento, a favore delle hit del pop. Funeralcare ogni tanto però si intromette nella scelta musicale, quando non ritenuta adatta alle circostanze. Gli Iron Maiden e John Lennon che canta “Imagine there’s no heaven” sono stati vietati per ovvi motivi.

UNA NERA CLASSIFICA. Al primissimo posto della classifica generale si piazza il sempiterno Frank Sinatra, con My way, seguito dalla colonna sonora del Mago di Oz, Robbie Williams con Angels, Whitney Houston con I will always love you e ovviamente i Righteous Brothers. Chi? I Righteous Brothers, gli interpreti di Unchained Melody, il tema del film d’amore con Demi Moore e Patrick Swayze, Ghost. Forse la più indicata di questa funerea classifica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana