Google+

Someone like you, una hit per l’aldilà

ottobre 17, 2012 Elisabetta Longo

L’ultimo ad aver vinto il titolo di “cantante da funerali” è stato un paio d’anni fa James Blunt, che con i suoi occhi azzurri cantava straziato Goodbye my lover, e per questo era stato scelto dagli inglesi che dovevano salutare un loro caro. Qualche anno prima era stato il turno di My heart will go on […]

L’ultimo ad aver vinto il titolo di “cantante da funerali” è stato un paio d’anni fa James Blunt, che con i suoi occhi azzurri cantava straziato Goodbye my lover, e per questo era stato scelto dagli inglesi che dovevano salutare un loro caro. Qualche anno prima era stato il turno di My heart will go on di Celine Dion, per evidente feeling con quel Jack che andava a picco sotto gli occhi dell’amata. Regina dei funerali inglesi del 2012 è invece Adele, con la canzone che le ha fatto conquistare parecchi Grammy, Someone like you. A raccontare di questa stramba classifica è la Funeralcare, la più grande azienda di pompe funebri inglesi, che si occupa anche di organizzare le feste di addio in cui Adele risuona sempre più spesso.

IL LENNON VIETATO. Il dato diffuso da Funeralcare si basa sulla percentuale totale di canzoni volute dai famigliari del defunto, su oltre 30mila cerimonie funebri organizzate quest’anno. Dal 2005 a oggi, inoltre, la richiesta di inni tradizionali religiosi è calata del 30 per cento, a favore delle hit del pop. Funeralcare ogni tanto però si intromette nella scelta musicale, quando non ritenuta adatta alle circostanze. Gli Iron Maiden e John Lennon che canta “Imagine there’s no heaven” sono stati vietati per ovvi motivi.

UNA NERA CLASSIFICA. Al primissimo posto della classifica generale si piazza il sempiterno Frank Sinatra, con My way, seguito dalla colonna sonora del Mago di Oz, Robbie Williams con Angels, Whitney Houston con I will always love you e ovviamente i Righteous Brothers. Chi? I Righteous Brothers, gli interpreti di Unchained Melody, il tema del film d’amore con Demi Moore e Patrick Swayze, Ghost. Forse la più indicata di questa funerea classifica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download