Google+

Solo una cosa non si può perdonare a Madonna: i banali appelli anti-discriminazione

giugno 14, 2014 Laura Borselli

La maturità più dura per una popstar è quella dei contenuti, dove ci si sente in dovere di sconfiggere i mali del mondo

«You can always change». Nel motto della sua catena di palestre, ultima filiazione del longevo e redditizio marketing del proprio brand, Madonna descrive se stessa e sprona il prossimo, come s’addice alla diva lavoratrice infaticabile che ai propri adepti chiede lo stesso impegno che pretende da se stessa. Data per morta numerose volte, risorta, liscia, riccia, bionda, mora, muscolosa, spirituale, materialista, madre modello, sposa, single. Il secondo marito, il regista inglese Guy Ritchie, fece di lei qualcosa di molto simile a una signora britannica innamorata del tartan e della campagna. È durato quel che è durato.

E che fosse giusto così lo abbiamo pensato un paio d’anni fa, quando al tradizionale ballo del Met a tema punk, l’ormai ultracinquantenne si è presentata in calze a rete, stiletto, shorts e giacca in tartan e parrucca nera modello Kill Bill. Lì abbiamo pensato che era quella la Madonna giusta. Lo abbiamo pensato fino alla trasformazione successiva. Perché forse è questo il suo talento più genuino: farti pensare che l’ultima evoluzione è quella che stavi da sempre aspettando senza saperlo.

«Madonna è come una dea bendata e le nuove generazioni del pop, da Lady Gaga a Rihanna, sono una sua emanazione. Anzi sono i segni della stessa cultura in movimento. Madonna non ha età. È divina. Eterna. Come i Rolling Stones». Parola di Anna Dello Russo, fashion director di Vogue Giappone e fan di provata fede, come gli amici stilisti Stefano Dolce e Domenico Gabbana che con lady Ciccone hanno anche un proficuo rapporto di lavoro. E per un fan che la proclama immortale c’è sempre un detrattore che l’accusa di essere il passato, buttando sale su una ferita sempre aperta per una popstar del suo livello: il tempo che passa.

Perché se invecchiare è un problema per tutti, per chi ha vissuto tra reggiseni a cono, frustini e crocifissioni sul palco la vicenda è ancora più complicata e gravida di implicazioni culturali che chiunque è pronto a scandagliare. Madonna il tema lo vive a modo suo, non disdegnando il ruolo di mentore delle giovani generazioni. Dal bacio lesbo con Britney Spears qualche anno fa, fino al duetto con la regina della provocazione di basso livello Miley Cirus.

I consigli a Katy Perry
Non più tardi di qualche settimana fa elargiva perle di saggezza a un’altra giovincella del pop come Katy Perry, protagonista insieme a lei di un servizio fotografico tutto pelle e tacchi a spillo su V Magazine dove la cantante “anziana” regalava consigli tratti da aneddoti familiari: «Gli dico sempre: papà sono un’artista, devo esprimermi. Non capisci. Forse ora l’ha accettato. Ci sono voluti 30 anni. Lui mi chiede: ma devi proprio simulare una masturbazione a letto? Sì papà, devo».

Generosa con le “colleghe”, inflessibile con chi disprezza soprattutto politicamente. Dopo la vittoria del Front National alle elezioni europee ha bollato il partito di Marine Le Pen come fascisti da combattere. Quelli le hanno risposto dandole della nonna di Lady Gaga, con riferimento cafone, ma non del tutto peregrino, all’età. Come ogni star che si rispetti, Madonna non ha mai lesinato sull’impegno sociale; siano le opere benefiche per un paese africano (ha adottato due bimbi dal Malawi) o, più recentemente, i progetti culturali contro ogni forma di discriminazione. Ed è qui, in questa selva di impegni con l’hashtag giusto e i retweet a spreco, che un dubbio affiora.

Che la maturità più pericolosa sia quella dei contenuti sociali. Perché non importa quanto puoi avere ragione, non importa quanto puoi essere dalla parte giusta della storia, a un certo punto gli appelli e le buone cause fanno di te una signora benestante dedita al volontariato. E i riferimenti culturali che ne derivano (dalla Brigitte Bardot animalista in giù) rendono più divertente una cinquantenne che fa twerking (saranno 56 il prossimo 16 agosto per la Divina Madonna) a una che inizia a leggere i giornali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. giovanni says:

    Per una volta voglio fare il giovanni- cattivo! Il vero problema di madonna è quello di simulare, la deve smettere di simulare!!! Basta fingere la masturbazione a letto, basta con il gioco delle finte frustate, e sopratutto basta con le crocifissioni simulate!

    • ele says:

      stai parlando senza cognizione di causa, non sai il motivo per cui ha fatto quelle cose, quindi no sparare sentenze a vanvera

  2. Ravecca Massimo says:

    Rimanere uguali a se stessi, pur cambiando continuamente è una delle caratteristiche del genio, che la cantante Madonna indubbiamente ha manifestato nella sua lunga e tuttora attiva carriera. Poco anteriore al successo della cantante sono le apparizioni della Madonna (Madre di Gesù) a Medjugorje. La Madonna (Veronica Ciccone) copre le apparizioni mariane? Un segno dei tempi? (Paolo VI). Come il manifesto murale della Pop-Stars che nel 2006 ricoprì il duomo di Milano circondato da ponteggi per lavori di manutenzione. I veggenti di Medjugorje affermano che sono le ultime apparizione della Madonna, Cfr. (Socci, Mistero Medjugorje, pp. 153-4). Dopo la Madonna (Veronica Ciccone) non c’è ne sarà un’altra. Cfr. ebook (amazon) di Ravecca massimo. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Grazie. Lady Gaga, anche lei italoamericana, e la sua epigone e erede pur in tono minore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download