Google+

Sogno di una notte di mezza estate. In gattabuia

settembre 10, 2012 Claudio Bottan

In Italia non è previsto il reato di tortura, quindi il problema non esiste. Quindi i carcerati possono continuare a soffrire dietro le sbarre. lettera dal penitenziario di Vicenza

Caro direttore,
lager, in tedesco, significa magazzino. Allora possiamo dire che nel nostro paese esistono 206 lager dove sono immagazzinate 67mila persone, e siccome i lager sono piccoli – oppure la merce è tanta – i corpi vengono posizionati a strati di tre piani. Ma la corte europea per i diritti dell’uomo ha condannato ripetutamente lo Stato italiano per violazione dell’art. 3 della Convenzione, che proibisce la tortura. Allora, è etimologicamente coerente affermare che nei lager italiani i prigionieri vengono torturati e trattari in modo disumano e degradante.

A questo punto sorge un problema serio: in Italia vige l’obbligatorietà dell’azione penale; ciò significa che il magistrato che viene a conoscenza di una notizia di reato, ha l’obbligo di aprire un fascicolo di indagine (contro ignoti?), svolgere accertamenti ed eventualmente rinviare a giudizio gli indagati. Stante la gravità dei reati ed il pericolo (certezza) di reiterazione dei medesimi, il gip deve sicuramente ordinare la custodia cautelare in carcere degli indagati che nel frattempo avrà certamente individuato.

E qui, la faccenda si complica ulteriormente perché al gip sorgerà il dubbio atroce: posso e devo ordinare il mio arresto e quello dei miei colleghi? Indeciso e profondamente turbato dall’idea del carcere, il gip si rivolgerà immediatamente al presidente del tribunale, il quale trasferirà il quesito al Csm, che coinvolgerà il presidente della Repubblica, che convocherà immediatamente e camere per un messaggio urgente: amnistia!

Era solo un sogno, tranquilli. Anzi, un incubo, capita spesso in carcere. Non c’è nessun rischio che ciò accada, semplicemente perché in Italia non è previsto il reato di tortura, quindi il problema non esiste. Sogni d’oro a tutti.

Claudio Bottan

Carcere di Vicenza, 5 settembre 2012

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana