Google+

Slitta ddl Sallusti. «Ora la procura mi venga a prendere»

ottobre 16, 2012 Redazione

La Commissione Giustizia del Senato ha fatto slittare l’approvazione del decreto di riforma del reato di diffamazione a mezzo stampa: «Materia troppo complessa, va esaminata in Aula». Il direttore del Giornale: «Politici ipocriti e codardi».

«Io chiedo a questo punto alla Procura di trasmettermi l’ordine di carcerazione che non ho ancora ricevuto. Vorrei capire chi si prende la responsabilità di tenere questo ordine nel cassetto». Sono le parole del direttore del Giornale Alessandro Sallusti, dopo che la Commissione Giustizia del Senato ha fatto slittare la firma d’approvazione al decreto di riforma del reato di diffamazione a mezzo stampa. «Si tratta di una materia troppo complessa ed è bene che il testo venga esaminato anche dall’Aula»: così si sono espressi i sei senatori (Bruno, D’Ambrosio, Li Gotti, Perduca, Vimercati, Vita) che hanno chiesto che il ddl torni in sede referente. Ora si procederà secondo l’iter ordinario, tramite un voto dell’assemblea. Con un inevitabile allungarsi dei tempi.

«POLITICI CODARDI». «È successo quello che immaginavo, questi politici cialtroni sono ipocriti e codardi. Ora la procura renda esecutiva la pena e mi venga a prendere», è stato il commento di Sallusti, condannato lo scorso 26 settembre a 14 mesi di reclusione per diffamazione aggravata. La procura ha automaticamente sospeso la pena, sebbene al giornalista non sia ancora stato notificato l’ordine di carcerazione: non appena però questo verrà consegnato al direttore e ai suoi legali, scatteranno i 30 giorni per chiedere al Tribunale di Sorveglianza misure alternative. Domiciliari, semilibertà o affidamento ai servizi sociali.

D’AMBROSIO. «Se, come lui dice, l’ordine di carcerazione non è stato ancora notificato, allora vuol dire che il termine di trenta giorni per la richiesta dell’affidamento ai servizi sociali deve ancora cominciare a decorrere, perché parte non dalla pronuncia della Corte, ma dalla notifica. C’è quindi tutto il tempo di approvare la legge prima che lui vada in galera», è stato il commento di Gerardo D’Ambrosio, senatore del Pd che ha fatto slittare appunto l’approvazione. «È una materia troppo complessa per essere decisa in tempi brevi in commissione. In ogni modo Sallusti ha la possibilità di chiedere l’affidamento ai servizi sociali e di attendere poi la decisione dopo sei mesi o di chiedere gli arresti domiciliari. Poi se vuole andare in galera è libero di farlo, ma ripeto, al momento non ci sono le condizioni perché questo accada».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.