Google+

Siria. Il teocon Novak: No allo strike Usa, «fra i ribelli si nascondono terroristi di Al Qaeda»

agosto 29, 2013 Redazione

Eliminare Assad? «Prima di deporre un dittatore bisogna accertarsi che gli subentrino dei moderati». Anche il filosofo conservatore si schiera contro l’intervento americano: «Le conseguenze potrebbero essere negative»

Firmate l’appello contro l’intervento militare in Siria

«Assad poteva e doveva essere rimosso un anno fa, quando era più debole di adesso e l’opposizione più forte», spiega il filosofo americano Michael Novak. Conservatore e cattolico, Novak non era contrario a un intervento statunitense in Siria. Oggi, però, al Corriere della Sera dice che l’ipotesi di un «strike» americano arriva «troppo tardi»: e anche se l’azione di forza di Barack Obama «avesse successo, cosa di cui non lo ritengo capace, le conseguenze potrebbero essere negative».

AL QAEDA TRA I RIBELLI. «In casi disperati come quello della Siria, il cambiamento di regime è un principio ancora valido», spiega Novak, «le violazioni dei diritti umani di Assad sono inaccettabili, come lo furono quelle dei talebani in Afghanistan e di Saddam Hussein in Iraq», ma per fermarle si sarebbe dovuto agire subito.
«I ribelli siriani non sono quelli di un anno fa», prosegue il filosofo americano ed ex ambasciatore Usa. «Un anno fa erano, direi, puliti, erano cioè in prevalenza forze democratiche». «Oggi sono inquinati, nelle loro file si nascondono terroristi di Al Qaeda ed estremisti islamici di ogni tipo. Non si può consegnare loro il potere» avverte Novak. «Un’altra amministrazione americana avrebbe appoggiato subito i ribelli e li avrebbe preparati alla democrazia». Invece Obama non ha fatto nulla di tutto questo.

SIRIA COME LIBIA? L’America potrebbe decidere di affrontare il problema siriano come avvenne in Libia? «Non si può escludere niente», spiega Novak, «ma in Libia i bombardamenti durarono due mesi, non due o tre giorni come sembra l’intenzione di Obama». «La lezione libica, inoltre, è che prima di deporre un dittatore bisogna accertarsi che gli subentrino dei moderati». «E noi», conclude , «questa certezza purtroppo non ce l’abbiamo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Cisco says:

    Certo Novak, infatti in Afghanistan e in Iraq, dove i ribelli (ma quali, che non esistevano?!) sono stati immediatamente preparati alla democrazia, magari con qualche video su You Tube, le cose funzionano a meraviglia, e di Al-Qaeda neanche l’ombra…poveri cristiani!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi