Google+

Siria, c’è l’intesa per il cessate il fuoco. Resta una domanda: chi sono i terroristi?

febbraio 24, 2016 Leone Grotti

Obama e Putin si sono accordati per una tregua nel paese, che dovrà partire dalla mezzanotte di sabato 27. Ma sul terreno la confusione è grande

obama-putin-ansa

Due telefonate in due settimane tra Barack Obama e Vladimir Putin sembrano aver spianato la strada a una tregua in Siria. Le parti in lotta nel paese devono confermare alla Russia o agli Stati Uniti «il loro impegno al cessate il fuoco» entro mezzogiorno di venerdì 26 febbraio, in modo tale che dalla mezzanotte di sabato 27, ora di Damasco, tacciano le armi.

CHI SONO I TERRORISTI? Il diavolo come sempre si nasconde nei dettagli e la frase chiave è questa: «La tregua non si applica ai gruppi terroristici». Ma se si chiede a Stati Uniti, Russia, Siria, Turchia e Arabia Saudita chi sono i terroristi si otterranno altrettante risposte diverse. Sicuramente, la guerra potrà continuare contro Stato islamico, Jabhat al-Nusra (la fazione siriana di Al-Qaeda) e Ahrar al-Sham. Russia e Siria, però, considerano “terroristi” anche il gruppo finanziato da Qatar, Turchia e Arabia Saudita, Jaish al-Islam, che insieme ad Ahrar al-Sham e Al-Nusra combatte nelle province di Aleppo e Idlib.

RIBELLI. Per il governo siriano, poi, anche le milizie dell’Esercito libero siriano sono composte da terroristi. Queste ultime non rientreranno mai nel novero di quelle ufficialmente “attaccabili”, ma poiché in molte zone di Aleppo combattono insieme ai jihadisti di Al-Nusra, difficilmente la battaglia per Aleppo si fermerà. I ribelli ne sono certi: «Russia e Assad ci attaccheranno con il pretesto della presenza di Al-Nusra, ma tutti sanno quanto in certe zone i gruppi siano mischiati».

DUBBI E CONFUSIONE. Di sicuro saranno salvi i gruppi sostenuti dall’America visto che Russia e Stati Uniti si sono scambiati le coordinate delle rispettive basi e centri di addestramento, per non colpirsi a vicenda. Resta grande però la confusione sul terreno. La Turchia bombarda da giorni i curdi dell’Ypg sostenuti dagli americani dal momento che li considera, appunto, “terroristi”. Dopo il cessate il fuoco potrà continuare a bombardarli? Gli stessi curdi, in questo momento, stanno combattendo a Marea, vicino al confine turco, contro gruppi di ribelli sostenuti anch’essi dagli americani. Potranno continuare a farlo? Non è chiaro, infine, chi dovrebbe monitorare il cessate il fuoco, per non parlare di chi dovrebbe farlo rispettare.

NUOVE ELEZIONI. La proposta però fa ben sperare l’inviato dell’Onu Staffan De Mistura e anche Bashar al-Assad. Nessuno parla più delle sue dimissioni come precondizione per trattare il futuro della Siria e lui, sentendosi sicuro, ha indetto nuove elezioni parlamentari per il 13 aprile. Le elezioni, almeno sulla carta, si terranno su tutto il territorio siriano, anche quello attualmente governato dagli uomini dello Stato islamico e dai ribelli.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Giulio scrive:

    “Gli Stati Uniti in Siria sono in guerra con se stessi, per interposti gruppi”, racconta Mike Giglio, corrispondente da Istanbul di BuzzFeed, in un ben informata inchiesta sulle forze in campo. Se non ci fossero quei 470 mila morti, 3 milioni di profughi, un bellissimo antico paese distrutto dalle fondamenta, ci sarebbe da ridere a vedere l’effetto finale della doppiezza di Washington.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana