Google+

Siria. Paura per le suore di Maloula: i negoziatori hanno perso i contatti con i rapitori islamisti

marzo 7, 2014 Leone Grotti

«Abbiamo perso i contatti con i rapitori delle suore di Maloula, con cui mi sentivo regolarmente fino a ieri. Forse sono state trasferite», dichiara un intermediario all’Afp

«Abbiamo perso i contatti con i rapitori delle suore di Maloula, con cui mi sentivo regolarmente fino a ieri». Così uno dei negoziatori, che è rimasto anonimo, ha parlato ieri all’agenzia Afp. Le 13 suore siriane del monastero di Santa Tecla sono state rapite lo scorso 2 dicembre da un gruppo di ribelli e terroristi islamici e portate a Yabroud, da dove hanno realizzato due filmati: uno il 9 febbraio, l’altro il 6 dicembre.

«SONO STATE TRASFERITE». L’esercito di Assad da settimane sta cercando di espugnare la città di Yabroud, vicina al confine con il Libano. «Molto probabilmente sono state trasferite nella regione tra Yabroud e il confine libanese. Stiamo provando a contattarli per assicurarci che siano al sicuro».
Nell’ultimo video diffuso dalle suore, a cui i terroristi che si battono contro Assad hanno impedito anche solo di tenere al collo le croci caratteristiche del loro ordine, i rapitori hanno chiesto una serie di condizioni per il rilascio delle religiose: «Tutte le donne imprigionate nelle prigioni siriane devono essere liberate». Secondo la fonte di Afp, i ribelli hanno anche chiesto che l’esercito abbandoni i siti religiosi cristiani, che del cibo sia inviato nelle zone occupate dai ribelli insieme «a richieste militari per la battaglia di Yabroud». Tutte richieste «difficili da soddisfare».

MARTIRIO DI MALOULA. Maloula ha vissuto un calvario, di cui il rapimento delle suore è solo l’ultimo strascico. Dopo essere stata attaccata lo scorso 4 settembre da terroristi islamici, l’80 per cento degli abitanti è fuggito a Damasco e da quel momento Maloula è stata ridefinita la “terra dei martiri”. Una suora che cura i feriti nella capitale ha fatto conoscere al mondo il martirio di Sarkis, ucciso a sangue freddo perché cristiano insieme ad altre due persone.
Le campane di tutte le chiese della città sono state smontate, l’area del monastero di Santa Tecla e San Sergio bruciata, le tombe del cimitero dissacrate e due croci di altrettante chiese distrutte. Maloula è considerata la culla del cristianesimo in Siria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Ellas says:

    Come mai tutte le donne sono a parlare di diritti delle donne enessuna si ferma a pensare che anche queste suore appartengono allastessa categoria?

    Il femminismo è egoista.

    Il maschilismo è egoista.

    Una via di mezzo, no?

    Una preghiera per le suore di Maloula.

    se i gay se la passano male, mi spiace ma cristiani, persone obese, con handicap, anziani stanno peggio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download