Google+

Siria. Islamisti tagliano la testa a un alleato ribelle. Poi si scusano: «Chi lavora, sbaglia»

novembre 15, 2013 Leone Grotti

Membri dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante hanno decapitato inneggiando ad Allah un uomo che fino a pochi giorni prima parlava con loro di uccidere gli uomini di Assad

«Non nascondiamo i nostri errori e continueremo a sbagliare essendo umani. Se qualcuno vuole dei leader e mujaheddin che non sbagliano mai, non potrà trovarli sotto questo cielo. Chi lavora, sbaglia. Chi sta a guardare non sbaglia mai». Questo comunicato dei guerriglieri legati ad Al Qaeda dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) dimostra quale livello di orrore, disumanità e follia la guerra in Siria è riuscita a raggiungere.

LO SCANNATORE SCANNATO. Nel comunicato gli islamisti si scusano per aver decapitato un presunto «cane di Bashar Al Assad», che però si è poi rivelato essere un comandante della brigata estremista islamica Ahrar Al-Sham, alleata proprio dell’Isil contro il presidente siriano. L’uomo si chiamava Mohammed Fares (a sinistra nella foto) e non immaginava che le stesse persone con cui fino a poco tempo prima parlava di «scannare» gli infedeli e «diventare martire», avrebbero scannato e martirizzato lui per sbaglio. Fares era rimasto ferito durante un combattimento vicino ad Aleppo e gli affiliati di Al Qaeda, non avendolo riconosciuto, gli hanno tagliato la testa inneggiando ad «Allah» e contro «gli infedeli».

CRISTIANI INVOCANO LA RUSSIA. Il tragico errore commesso dai ribelli che hanno sgozzato il membro di un’altra fazione ribelle rivela il caos e l’orrore in cui è piombata l’opposizione al regime di Assad. E proprio perché temono le conseguenze di questa violenza ormai senza controllo, 50 mila cristiani siriani hanno inviato una lettera al ministro russo degli Esteri chiedendo di ottenere la cittadinanza russa. I cristiani scrivono di «essere a rischio sterminio» e chiamano la Russia «il guardiano delle nostre vite».
I cristiani sottolineano di non volere in alcun modo lasciare la loro terra ma chiedono di volersi «sentire sotto la protezione della Russia se i terroristi minacciano di eliminarci». La maggioranza dei cristiani in Siria è ortodossa e questo spiega perché si sono rivolti a Mosca e a Putin, che questa guerra e l’indifferenza mondiale alla sua risoluzione hanno trasformato in modo inaspettato in un leader difensore dei diritti dei cristiani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Pierpaolo says:

    Mohammed Fares: uno che non scannerà più nessuno.
    Ne facessero altri di “errori” così!

  2. Livio says:

    Oltre che fanatici sanguinari pure idioti

  3. Mappo says:

    Lo scannatore scannato, della serie “Chi la fa l’aspetti”. — I cristiani siriani chiedono protezione alla Russia di Putin, anche questo fatto è un’ulteriore dimostrazione che la totale incapacità e deficienza intellettiva di Barak Obama hanno rivoluzionato i criteri di valutazione del mondo. Oggi la Russia può con ragione, grazie ad Obama, ergersi a paladina degli oppressi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download