Google+

Siria. Islamisti tagliano la testa a un alleato ribelle. Poi si scusano: «Chi lavora, sbaglia»

novembre 15, 2013 Leone Grotti

Membri dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante hanno decapitato inneggiando ad Allah un uomo che fino a pochi giorni prima parlava con loro di uccidere gli uomini di Assad

«Non nascondiamo i nostri errori e continueremo a sbagliare essendo umani. Se qualcuno vuole dei leader e mujaheddin che non sbagliano mai, non potrà trovarli sotto questo cielo. Chi lavora, sbaglia. Chi sta a guardare non sbaglia mai». Questo comunicato dei guerriglieri legati ad Al Qaeda dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) dimostra quale livello di orrore, disumanità e follia la guerra in Siria è riuscita a raggiungere.

LO SCANNATORE SCANNATO. Nel comunicato gli islamisti si scusano per aver decapitato un presunto «cane di Bashar Al Assad», che però si è poi rivelato essere un comandante della brigata estremista islamica Ahrar Al-Sham, alleata proprio dell’Isil contro il presidente siriano. L’uomo si chiamava Mohammed Fares (a sinistra nella foto) e non immaginava che le stesse persone con cui fino a poco tempo prima parlava di «scannare» gli infedeli e «diventare martire», avrebbero scannato e martirizzato lui per sbaglio. Fares era rimasto ferito durante un combattimento vicino ad Aleppo e gli affiliati di Al Qaeda, non avendolo riconosciuto, gli hanno tagliato la testa inneggiando ad «Allah» e contro «gli infedeli».

CRISTIANI INVOCANO LA RUSSIA. Il tragico errore commesso dai ribelli che hanno sgozzato il membro di un’altra fazione ribelle rivela il caos e l’orrore in cui è piombata l’opposizione al regime di Assad. E proprio perché temono le conseguenze di questa violenza ormai senza controllo, 50 mila cristiani siriani hanno inviato una lettera al ministro russo degli Esteri chiedendo di ottenere la cittadinanza russa. I cristiani scrivono di «essere a rischio sterminio» e chiamano la Russia «il guardiano delle nostre vite».
I cristiani sottolineano di non volere in alcun modo lasciare la loro terra ma chiedono di volersi «sentire sotto la protezione della Russia se i terroristi minacciano di eliminarci». La maggioranza dei cristiani in Siria è ortodossa e questo spiega perché si sono rivolti a Mosca e a Putin, che questa guerra e l’indifferenza mondiale alla sua risoluzione hanno trasformato in modo inaspettato in un leader difensore dei diritti dei cristiani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Pierpaolo scrive:

    Mohammed Fares: uno che non scannerà più nessuno.
    Ne facessero altri di “errori” così!

  2. Livio scrive:

    Oltre che fanatici sanguinari pure idioti

  3. Mappo scrive:

    Lo scannatore scannato, della serie “Chi la fa l’aspetti”. — I cristiani siriani chiedono protezione alla Russia di Putin, anche questo fatto è un’ulteriore dimostrazione che la totale incapacità e deficienza intellettiva di Barak Obama hanno rivoluzionato i criteri di valutazione del mondo. Oggi la Russia può con ragione, grazie ad Obama, ergersi a paladina degli oppressi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana