Google+

Siria, Isis è alle porte di Hasakah. «Cristiani minacciati, temiamo un massacro»

giugno 9, 2015 Leone Grotti

Nella città vivono almeno 1.000 famiglie cristiane, oltre alle tante scappate nel capoluogo dopo la conquista a febbraio da parte dell’Isis di una trentina di villaggi lungo il vicino fiume Khabur

Da oltre una settimana lo Stato islamico sta cercando di entrare nella città di Hasakah, capoluogo dell’omonima provincia, nella parte nord-orientale della Siria. L’offensiva è cominciata il 30 maggio scorso e dopo alcune conquiste iniziali, l’esercito di Bashar al-Assad insieme a milizie curde è riuscito temporaneamente a respingere i terroristi.

«SONO A POCHI METRI». Nella città vivono almeno 1.000 famiglie cristiane, oltre alle tante scappate nel capoluogo dopo la conquista a febbraio da parte dell’Isis di una trentina di villaggi lungo il vicino fiume Khabur, oggi recuperati dall’esercito. «La situazione è estremamente difficile in città. Vogliono entrare da sud, sono a qualche centinaio di metri ormai», ha dichiarato a L’Orient-Le Jour un sacerdote assiro della zona, che oggi in vive in Libano e che ha preferito rimanere anonimo.

«TEMIAMO UN MASSACRO». Un cugino del sacerdote vive nella città e parte della sua famiglia si trova ancora nelle mani dell’Isis, dopo essere stata rapita insieme a circa 300 cristiani a fine febbraio dai terroristi islamici. «La presenza cristiana è direttamente minacciata. Noi temiamo un massacro. Ci sono bambini e giovani donne in pericolo, la maggior parte di loro non ha i mezzi economici per scappare», continua il sacerdote.

CITTÀ STRATEGICA. La provincia di Hasakah è importante per lo Stato islamico sia perché ospita un nutrito contingente dell’esercito siriano, sia perché si trova al confine con Turchia e Iraq. «L’Isis ha bisogno di controllare questa frontiera, così potrà continuare le sue operazioni di contrabbando», spiega Frédéric Pichon, ricercatore associato presso l’Università di Tours. «È una città strategica».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Fabio says:

    Ovviamente nessun potente della terra muove un dito…
    Evidentemente ahimè non sono un affare per nessuno questi cristiani.

    • SUSANNA ROLLI says:

      Infatti, son sempre stati considerati delle rogne! Gli appartenenti alle altre religioni no, ma i cristiani -chissà perchè- sì…; già…chissà perchè!

    • EquesFidus says:

      Non solo non lo muovono, ma c’è anche un malcelato contento di fondo per i massacri perpetrati dai fondamentalisti (non solo islamici) ai danni dei cristiani. Anche per questo motivo la gente sta iniziando a stufarsi di quella manica di omini col grembiulino che credono di poter decidere della vita e della morte delle persone da Bruxelles…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download