Google+

Siria, Isis attacca Hasakah. «Hanno usato civili come scudi umani, 162 famiglie cristiane già fuggite»

giugno 26, 2015 Leone Grotti

I cristiani sono fuggiti a Qamishli, dove tempi.it ha contattato padre Ayvazian Antranig: «Sono spaventati, temono di essere uccisi»

Non solo Kobane. Lo Stato Islamico ha lanciato un’offensiva anche contro Hasakah, la maggiore città del nord-est siriano, conquistando un quartiere a sud. Nel capoluogo vivono circa 1.000 cristiani e molti sono già fuggiti verso la vicina Qamishli: «L’attacco è cominciato tre giorni fa, sono già arrivate 162 famiglie», rivela a tempi.it padre Ayvazian Antranig, responsabile dell’eparchia armeno-cattolica di Qamishli.

«CIVILI COME SCUDI UMANI». «I terroristi», continua, «sono entrati ad Hasakah travestiti da soldati dell’esercito siriano. Hanno sequestrato dei civili e li hanno usati come scudi umani per attaccare le postazioni dell’esercito». Mentre gli attacchi sono ancora in corso, a Qamishli si stanno organizzando i soccorsi: «Famiglie cristiane continuano ad arrivare. Le chiese cattoliche e ortodosse si sono riunite e abbiamo deciso di ospitarli nelle chiese e nei conventi. Abbiamo fornito loro vestiti, cibo e coperte».

«CRISTIANI SPAVENTATI». Gli 83 chilometri che separano le due città sono stati percorsi dai cristiani in fretta e furia. «Taxi e autobus gli hanno fatto pagare un prezzo vergognoso per portarli fino a qui, più del doppio del normale», insiste il sacerdote. «I cristiani sono molto spaventati, perché hanno negli occhi quello che è successo a Mosul e in altre città. Hanno paura di essere uccisi, anche se la situazione non è così tragica: l’esercito sta ricacciando fuori i jihadisti».

CRISTIANI PORTATI A RAQQA. Padre Antranig fa anche il punto sui cristiani rapiti a fine febbraio dallo Stato islamico, ancora nelle mani dei jihadisti: «Qualcuno ha diffuso numeri esagerati. Solo 87 persone sono ancora prigionieri e sono stati trasferiti a Raqqa». Si è parlato della richiesta di un riscatto milionario. «Sono falsità. Dal vescovo assiro si sono recati finti emissari dell’Isis, chiedendo una cifra folle, 10 milioni di dollari, ma erano dei bugiardi».

LE PROMESSE. Il responsabile dell’eparchia armeno-cattolica è invece in continuo contatto con loro: «I terroristi ci hanno telefonato e mi hanno anche inviato due lettere, che ho girato a papa Francesco. Promettono che non faranno del male a nessun cristiano e per la prima volta finora hanno mantenuto la promessa». Padre Antranig è spesso in contatto con i jihadisti: «Questi diavoli non hanno nessun rispetto per i cristiani. Però dieci giorni fa, prima di attaccare Hasakah, mi hanno telefonato e mi hanno detto di portare via tutto ciò che di prezioso avevamo nelle chiese, perché avrebbero invaso la città. Effettivamente hanno attaccato, sono stati di parola. Ora sono ancora in città, ma l’esercito ha inviato rinforzi, li stanno cacciando».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Sanno scrivere le lettere..

  2. Fabio G scrive:

    ..I terroristi ci hanno telefonato e mi hanno anche inviato due lettere,
    che ho girato a papa Francesco. Promettono che non faranno del male a nessun cristiano
    e per la prima volta finora hanno mantenuto la promessa…”

    “…Questi diavoli non hanno nessun rispetto per i cristiani.
    Però dieci giorni fa, prima di attaccare Hasakah,
    mi hanno telefonato e mi hanno detto di portare via tutto
    ciò che di prezioso avevamo nelle chiese, perché avrebbero invaso la città…”

    Qui c’è qualcosa (di grosso) che non quadra; i terribili decapitatori che invitano
    gli infedeli ad andarsene dalla città portando in salvo la pelle e la cassa???

    • Menelik scrive:

      Che qualcosa stia incominciando a scricchiolare e cerchino di farsi un salvagente?
      Comunque quelli devono essere considerati solo dei bersagli, qualunque cosa facciano e dicano, non bisogna dargli confidenza.
      Se offrono di dialogare, è solo per fregarci meglio.
      Per loro gli infedeli sono solo carne da macello, e le donne degli infedeli sono solo giocattoli sessuali da schiavizzare, dunque per noi quelli devono essere solo dei bersagli, togliendo del tutto ogni altro aspetto.
      Che vadano al diavolo, i buonisti sono corresponsabili della distruzione dell’occidente.
      Vadano al diavolo, loro e i buonisti !!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana