Google+

Siria, il piano sul disarmo chimico di Assad? Un fallimento. «C’è stata ipocrisia da parte di tutti»

febbraio 6, 2014 Leone Grotti

Assad ha fatto uscire dalla Siria solo 4 tonnellate su 1300 e il termine è scaduto ieri. Intervista all’esperto del Corriere della Sera, Guido Olimpio: «Il ritardo non è una sorpresa, l’Occidente ha un po’ chiuso gli occhi»

Se tutto fosse andato come da accordi internazionali, ieri l’ultimo carico di armi chimiche e agenti tossici sarebbe partito dai porti della Siria. Il 5 febbraio, infatti, era la “deadline” stabilita nell’ottobre scorso da Russia e Stati Uniti perché Assad svuotasse i suoi arsenali, che dovevano poi essere distrutti entro il 30 giugno. Invece, ad oggi, il regime ha fatto uscire dal paese poco più di 4 tonnellate su 1.300.
«Il ritardo era previsto, non è certo una sorpresa», spiega a tempi.it Guido Olimpio, giornalista del Corriere della Sera, esperto di Medio Oriente e terrorismo. «L’accordo è stato frutto di un’ipocrisia da parte di tutti».

Cosa succederà ora?
La scadenza sarà spostata ai primi di marzo, ma ci andrei cauto sulle date.

Il regime si è giustificato affermando che i trasporti, a causa della guerra e delle imboscate dei ribelli, sono difficili.
È vero che in alcune zone i trasporti sono complicati ma c’è un fondato sospetto che Assad stia cercando di prendere tempo.

A quale scopo?
Assad è un maestro in questo, come suo padre: prendere tempo è tipico di questi regimi. Pensano: “Vediamo cosa succede”. È un modo per tastare il polso dell’opposizione internazionale. Se ci si pensa bene, gli ultimi rapporti dicono che è saldo al potere: non può riprendersi tutto il paese ma nessuno può spodestarlo.

Ieri la Libia ha annunciato di aver completato il processo cominciato da Gheddafi di distruzione del suo arsenale chimico. Tutti si sono complimentati perché ci sono voluti solo 10 anni. Era realistico pensare che la Siria ne impiegasse appena uno?
Quando fu firmato l’accordo, molti esperti dissero che era difficile realizzarlo: poi però ci furono molte rassicurazioni. Io penso che ci fosse la voglia di chiudere in fretta l’accordo per evitare l’attacco militare americano. Non dico che si sono chiusi gli occhi, ma i termini sono stati accettati con troppa facilità. Sulla carta il piano, grazie alla tecnologia, era plausibile ma la Siria è un paese in guerra.

Perché ha parlato di “ipocrisia”?
Perché alla Russia interessava solo di proteggere la Siria e gli occidentali volevano una scusa per non impelagarsi in una guerra complicata. Per questo hanno preso per buone certe promesse da parte di un regime che è bugiardo e bara sistematicamente da 10 anni.

Quali promesse?
Negli ambienti internazionali gira il sospetto, ma ribadisco che è un sospetto puro, che il regime abbia nascosto delle armi chimiche e non le abbia consegnate tutte.

L’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche dell’Onu, che anche per questo accordo ha vinto il Nobel per la pace, come si sta comportando?
Fanno il lavoro dei notai e guardano che il piano vada avanti, ma con difficoltà. L’Onu certifica le azioni del regime ma non ha armi per fare pressione, come si vede anche dai colloqui di Ginevra II, perché comunque incontrerebbe il veto di Cina e Russia.

A due settimane dall’inizio della missione, un diplomatico occidentale ha criticato i ribelli, accusandoli di rallentare il lavoro degli ispettori Onu e del governo siriano.
I ribelli hanno tutto l’interesse a creare difficoltà al regime e sono contrari a questa soluzione perché ha aiutato Assad senza metterlo abbastanza in difficoltà. Se guardiamo bene, dopo questo accordo in effetti non è stato bombardato dagli Stati Uniti e ha continuato a colpire le città con le bombe. Io non sono favorevole a un intervento militare ma bisognerebbe mettergli pressione.

Il ritardo nella consegna delle armi chimiche potrebbe essere affrontato durante i nuovi colloqui a Ginevra II che dovrebbero partire il prossimo 10 febbraio?
È inutile firmare accordi se poi non hanno effetti sul terreno. Per me a Ginevra II non si otterrà niente: Assad ha già detto che non mollerà e l’opposizione non vuole trattare se non da questo punto di partenza. Ma mentre parlano, Assad lancia i barili bomba su Aleppo e questo fa capire come il regime abbia ampi margini di manovra.

I ribelli hanno le loro responsabilità?
Gli occidentali non hanno aiutato i ribelli quando era il momento, favorendo così la nascita di gruppi radicali molto pericolosi che ora spaventano lo stesso Occidente, che ha davanti agli occhi la fine fatta dalla Libia. I ribelli, dividendosi e frammentandosi, hanno indebolito la loro posizione. Loro potrebbero anche accettare un eventuale “cessate il fuoco” ma l’Isis (o Isil, ndr) non accetterà certo compromessi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Pierpaolo scrive:

    Israele, invece, quando consegnerà il proprio armamento chimico?
    Mi sembra alquanto in ritardo, o no?

  2. marzio scrive:

    E’ più inquietante il fatto che i terroristi islamisti anti Assad abbiano armi chimiche, infatti le hanno già usate contro la popolazione.E’ assurdo quindi chiedere ad Assad di consegnare (giustamente) di le armi chimiche e non chiederlo anche alle milizie islamiste, e addirittura continuare a foraggiarle ed armarle.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana