Google+

Siria, cristiani: «I ribelli fondamentalisti ci vogliono cacciare dal paese»

agosto 2, 2012 Redazione

L’inviato in Siria di Repubblica racconta la vita dei cristiani: «Sta prendendo corpo il più cupo dei nostri presagi, i ribelli gridano: “Alawiya ‘a tabut, Masihiyya ‘a Beirut”. Cioè “gli Alawiti alla tomba, i Cristiani a Beirut”».

«L’assalto alle porte dei quartieri cristiani, a Bab Sharqi e Bab Touma nella Città vecchia di Damasco, è iniziato col canto rituale dei muezzin, che precede l’alba. “Al primo ‘Allahu Akbar’ intonato dai minareti s’è scatenata una sarabanda di fuoco”: Samir, patriarca di un’antica famiglia di commercianti, ha il palazzetto proprio di fianco a Bab Sharqi, la Porta d’Oriente dalla quale si accede all’area dei Masihiyya, i ‘seguaci del Messia’. “La gente giù per i vicoli, gridava ‘Eccoli, sono arrivati!’, e intendevano i gruppi armati. Lo aspettavamo come il peggiore degli incubi: l’invasione dei quartieri cristiani. Dopo quelli di Homs e Aleppo, sarebbe toccato anche a noi».

Le parole di Samir sono raccolte da Alix Van Buren, inviato in Siria di Repubblica che in un articolo pubblicato oggi sulla battaglia tra il regime alawita di Assad e i ribelli, che spesso si trasforma in una caccia ai cristiani da parte dei ribelli, scrive: «”Tre quarti d’ora di inferno”, raccontano fra le case dove negli ultimi anni sono fioriti alberghi, boutique, ristoranti citati anche all’estero, gallerie d’arte, piano bar, discoteche. Le loro parole suonano tanto più incongrue: “I nostri giovani sono scesi per strada, armati di kalashnikov. Sanno a malapena sparare”. Da qualche giorno, infatti, da che è iniziata la battaglia di Aleppo, una parte della comunità cristiana si è dotata di armi e di una guardia. “Assieme ai soldati, hanno fermato l’attacco sulla porta. Se fossero entrati, Damasco sarebbe crollata”».

I cristiani hanno un grande timore: «”Sta prendendo corpo il più cupo dei nostri presagi” dice Tony, un avvocato, e per spiegarsi ripete a bassa voce lo slogan ascoltato in certe piazze siriane dall’inizio della rivolta: “Alawiya ‘a tabut, Masihiyya ‘a Beirut. Sta per ‘gli Alawiti alla tomba, i Cristiani a Beirut’. Homs si è svuotata dei Masihiyya come in Iraq, e da Aleppo fuggono in decine di migliaia”. Il siriano si inasprisce: “Già una parte dei ribelli fondamentalisti ci vuole fuori di qui. In più, Francia e America per assurdo ci spingono a emigrare. Questo vorrebbe dire lasciar tutto: le antiche case, i nostri averi, quel che abbiamo costruito nella storia. Equivarrebbe a rinunciare alle nostre radici”».

«George, un antiquario, interviene: “Ascolti, noi eravamo qui ancor prima di San Paolo. Quando Saul arrivò, già l’aspettava un vescovo”. Ricorda un convegno in America, lui cristiano arabo invitato a parlare a una platea di protestanti. “Un americano m’ha chiesto: ‘Com’è cambiata la sua vita dopo la conversione alla Chiesa di Gesù?’. Gli ho risposto: ‘Caro signore, spetterebbe a me rivolgere questa domanda a lei, dal momento che i miei avi erano cristiani molti secoli prima dei vostri'”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

2 Commenti

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ha la ruota da 19" e la faccia da enduro ma si guida come una stradale pura. La Triumph Tiger 800 XRx conquista per il perfetto bilanciamento tra motore e ciclistica. Con l’elettronica guadagna in sicurezza, senza perdere un briciolo del suo lato “fun”

Versione più avventurosa delle Tiger 800, migliora nella dotazione e nella attitudine al fuoristrada, pur restando una enduro stradale. Ottime le sospensioni, eccellente la nuova elettronica. Solo conferme (piacevoli) dal motore, ancora più morbido, e dal telaio

La materia prima è al top e viene dal Giappone. Cervello, creatività e passione sono made in Italy, ovvero quanto di meglio ci sia. Il risultato ha il nome della pietra preziosa più desiderata e una firma che ha fatto la storia del ciclismo

Presentata in occasione della fiera G!comegiocare, è giunta alla seconda edizione l’iniziativa di Kia Motors Italy dedicata ai bambini ed allo sport

Rick Koekoek, uno dei migliori trial biker sulla scena, si è stufato delle risatine che accompagnano chi pedala su una fatty, così ne ha inforcata una ed è andato nel parco giochi dietro casa...

Speciale Nuovo San Gerardo