Google+

Madre del 14enne ucciso in pubblico dagli islamisti in Siria: «Ad Aleppo ormai siamo schiavi della sharia»

luglio 2, 2013 Leone Grotti

La Bbc è stata ad Aleppo e a Saraqeb, dove i ribelli hanno instaurato la sharia. «Non siamo più gente libera»

«Non siamo più gente libera. Lo eravamo quando i ribelli hanno preso Aleppo all’inizio della guerra ma ora non abbiamo più niente. Al contrario siamo subissati di decreti della sharia e ognuno segue la sua interpretazione della religione». Le parole della madre di Mohammed Qataa, ragazzino di 14 anni di Aleppo ucciso in pubblico da una brigata estremista islamica ribelle perché accusato di «blasfemia», sottolineano ancora una volta quanto sia controversa l’azione di molti ribelli all’interno della Siria.

SHARIA A SARAQEB. Aleppo è da mesi diventata un califfato islamico dove vige la sharia ma altre città siriane condividono la stessa sorte. Oltre a Raqqa, la Bbc ha passato sei settimane a Saraqeb, dove la giustizia è amministrata da una corte islamica che applica la sharia. Il capo è Sheikh Abdullah Mohammed Ali, 27 anni.

FRUSTATE AI LADRI. Quando gli portano davanti quattro membri di una brigata ribelle che hanno cercato di rubare un taxi, gli impone di consegnare tutte le armi e li condanna a 40 frustate ciascuno (50 al leader), pena eseguita in pubblico con un cavo dell’elettricità «nel nome di Dio» e al grido di «il Profeta è il nostro leader». Sheikh Abdullah sa di essere molto clemente: «Normalmente la pena per questo crimine dovrebbe essere la morte. Ma in tempo di guerra, le punizioni della sharia sono sospese. Per questo dobbiamo concentrarci contro il regime. Quando cadrà e sarà proclamato lo Stato islamico, la sharia sarà applicata in tutta la sua severità».

AL-QAEDA CONTRO AL-QAEDA. Ad Aleppo, invece, ieri è stata emessa una fatwa che vieta «alle donne di uscire di casa con abiti succinti o immodesti o con la faccia truccata». I califfati islamici vengono instaurati dalle brigate più forti dei ribelli, quelle estremiste legate ad al-Qaeda: il Fronte al-Nusra e lo Stato islamico dell’Iraq. Queste, oltre a combattersi a vicenda, hanno anche cominciato ad attaccare altre brigate ribelli non islamiste, come rivela ancora la Bbc: «Il comandante di una brigata ci ha raccontato di come un’unità di al-Nusra abbia inviato un kamikaze a uccidere dozzine di ribelli laici facendosi esplodere tra di loro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mark says:

    Quando il mondo capirà che l’islam è un cancro da estirpare di gran lunga peggiore di qualsiasi ideologia mai esistita sarà troppo tardi. La terza guerra mondiale sarà contro questa gentaglia, preparatevi spiritualmente!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download