Google+

Siria. Accusata di adulterio, Stato islamico lapida una ragazza davanti al padre: «Devi essere contenta»

ottobre 21, 2014 Leone Grotti

In un video realizzato dai terroristi islamici il padre della ragazza si fa convincere da due uomini che la lapidazione è il «volere di Allah»

lapidazione-siria-hama-stato-islamico“Sperando contro ogni speranza”. Questa sera a Milano un incontro da non perdere con il Patriarca dei Caldei Louis Sako

Una ragazza è stata lapidata in Siria davanti a suo padre dagli uomini dello Stato islamico. Il fatto è avvenuto nella periferia di Hama, è stato documentato da un video rilasciato dai jihadisti, riportato dal gruppo “Raqqa viene massacrata silenziosamente” e confermato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, che non è riuscito però a fornire la data dell’uccisione.

IL PADRE CONVINTO. Il video della durata di circa cinque minuti mostra una ragazza in piedi davanti al padre, affiancato da due uomini dello Stato islamico. La ragazza viene accusata di adulterio e il padre rigetta per quattro volte le richieste della figlia di perdonarla. Alla fine, si fa convincere dai terroristi islamici che la cosa migliore è lapidarla «secondo il volere di Allah».

lapidazione-siria-hama-stato-islamico-isis«DEVI ESSERE CONTENTA». Il padre lega quindi la figlia e la dispone all’interno di una buca. Mentre un gruppo di uomini raccoglie delle pietre e si prepara a lapidarla, un jihadista dice alla ragazza che «dovrebbe essere contenta» di fare quella morte orribile perché, essendo la prima donna lapidata ad Hama, sta instaurando una tradizione. Il filmato prosegue mostrando la lapidazione della ragazza sotto gli occhi del padre.

SHARIA. Non è la prima volta che lo Stato islamico applica la sharia fino in fondo, compresi i suoi dettami più disumani. A febbraio la siriana Fatoum Al Jassem è stata lapidata a morte a Raqqa, capitale del Califfato di Al Baghdadi, perché iscritta a Facebook.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. giuliano says:

    questo genitore è un tipico rappresentante dell’Islam moderato, mica come quei integralisti cattolici !! che ne dici Filomena ?? dacci oggi il tuo verbo quotidiano

    • Andrea UDT says:

      Un padre che ammazza una figlia a sassate è una bestia.

      Ma è molto probabile che a ridurlo a una bestia siano stati esseri ancor più bestiali, subumani imbevuti di fanatismo, odio, rancore e male assoluto.

      Magari gli hanno detto “o lei, oppure te, lei e tutto il resto della famiglia”.

      E’ bene ricordare a chi pensa che le religioni siano tutte uguali:

      Sura 24, 2-3

      In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

      1.[Questa è] una sura che abbiamo rivelato e imposto e per mezzo della quale abbiamo fatto scendere segni inequivocabili, perché possiate comprendere.

      2. Flagellate la fornicatrice e il fornicatore, ciascuno con cento colpi di frusta e non vi impietosite [nell’applicazione] della Religione di Allah, se credete in Lui e nell’Ultimo Giorno, e che un gruppo di credenti sia presente alla punizione.

      Da confrontare con Gv. 8,1-11.

  2. Mappo says:

    Per questa gente non ci può essere che la morte.
    Poco importa se inceneriti da un missile americano, da una cannonata dell’esercito di Assad o da un proiettile curdo. Devono morire, per poi ritrovarsi all’inferno e scoprire sulla loro carne e per l’eternità che tutto ciò in cui hanno creduto e per cui hanno ucciso era falso e di origine diabolica.

    • Menelik says:

      Non illuderti che la cannonata da Assad non arriverà MAI E POI MAI.
      Restano gli alleati occidentali capitanati dagli Americani e i peshmerga curdi.
      Gli unici.
      Gli altri, è come se non ci fossero.

  3. alessandro says:

    Che razza di padre è un padre così? Non ci sono parole, il demonio vuole diventare il padrone del mondo.
    i governati occidentali, specialmente quel fenomeno di Obama dovranno rispondere di tutta la ignavia con cui si comportano. VERGOGNA e ai lapidatori dico siete dei BIECHI ASSASSINI. ne risposnderete davanti a Dio

  4. ester says:

    E le femministe ? dove sono ?

    • Mappo says:

      Ester, dove sono le femministe? Ovvio a dare addosso alle Sentinelle in piedi. Molto più sicuro e senza pericoli di sorta.

    • Laura says:

      Un albero si vede dai suoi frutti.

    • Sebastiano says:

      Sono tutte occupate a capire, sull’onda della moda lanciata da Facebook e Apple, come si potrebbe fare a proporre questa porcheria anche da noi, “che sennò siamo lontani anni luce dalla civiltà”. Forse faranno anche un cartellone con su scritto: “l’utero è mio ma lo gestisce l’azienda”.
      Su questa poveraccia (l’ennesima) il vero silenzio assordante è quello dei “moderati islamici” di casa nostra. Non dico una manifestazione di protesta, ma non si è sentita neanche una parola di pietà.

  5. Menelik says:

    Per trattare la situazione lì c’è uno ed un solo modo: aerei alleati e aiuti massicci ai peshmerga.
    Ogni altra opzione sarebbe inequivocabilmente destinata a fallire miseramente.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download