Google+

Siria, 1500 persone giustiziate in cinque mesi: il bilancio di sangue del Califfato

novembre 18, 2014 Leone Grotti

Decapitazioni, fucilazioni di massa, «corpi esposti in piazza»: secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, le vittime sono soprattutto civili

Quasi 1.500 persone giustiziate in Siria in cinque mesi: è questo il bilancio di sangue dello Stato islamico da quando il Califfato è stato creato da Abu Bakr Al Baghdadi. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, «da giugno l’Isil ha ucciso tramite esecuzioni 1.429 persone, soprattutto civili».

«CORPI ESPOSTI IN PUBBLICO». Secondo il direttore del gruppo, Rami Abdel Rahman, «questi sono stati uccisi o con la decapitazione o con la fucilazione in stragi di massa. Di loro, 879 erano civili, soprattutto della tribù sunnita Shaitat», che si è opposta ai terroristi islamici a Deir Ezzor a partire da gennaio.
Altri 63 appartenevano ai ribelli o ad al Qaeda, «mentre i soldati del regime di Assad uccisi sono 483». Spesso, questi ultimi sono stati decapitati e i loro corpi «esposti in pubblico per terrorizzare i civili e gli altri gruppi ribelli». Quattro, infine, i membri dell’Isil uccisi per tradimento.

RIBELLI “MODERATI” IN FUGA. Il bilancio non tiene conto ovviamente delle persone uccise in azioni di guerra e delle morti avvenute in Iraq. Le cattive notizie non finiscono qui per il paese e per gli Stati Uniti, che avevano pianificato di «eliminare» i terroristi islamici facendo leva sui “ribelli moderati”.
L’Esercito libero siriano, come riporta il turco Hurriyet, ha ritirato i suoi 14 mila uomini da Aleppo dopo aver subito pesanti perdite a causa dell’attacco condotto da una coalizione di milizie islamiste finanziate dall’Arabia Saudita. Il leader dei ribelli, Jamal Marouf, è scappato in Turchia. Secondo il giornale, le armi inviate ai ribelli dagli Stati Uniti potrebbero essere finite «nelle mani di Al Nusra, il ramo di Al Qaeda in Siria».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana