Google+

Simonelli: In estate ci propinano una tv da rimbambiti

luglio 8, 2012 Carlo Candiani

Arriva l’estate e la tivù diventa un album di vecchie cartoline. Intervista a Giorgio Simonelli che commenta anche il disastro di Rai Sport agli Europei di calcio e la sfida con Sky per le Olimpiadi.

Arriva l’estate e la tv generalista va in ferie. Da almeno un decenniola Rai ha “scoperto” le sue teche e ne fa largo uso in rubriche serali, molto seguite. Ma quanto vale questa “tv della memoria”?
«Rispetto alla edizioni precedenti, questo spazio post telegiornale su Rai 1, occupato dalla rubrica della tv che fu, mi sembra che ricerchi una confezione un po’ pretenziosa, troppo intellettualistica (al modo di Rai 3, per intenderci), perdendo per strada la proposta popolare, la freschezza richiesta nel tempo estivo». Questo è il giudizio del professore Giorgio Simonelli, storico della televisione, docente di comunicazione all’Università Cattolica di Milano. «Nonostante l’offerta sterminata del proprio archivio, anche quest’anno la Rai si aggrappa alla riproposta dei soliti miti: Villaggio, Mina, Arbore. Urge un poco più di fantasia».

Ma, forse, è per la mancanza di fantasia che si insiste sulle teche. Quest’anno, dal congelatore, è uscito pure Paolo Limiti.
C’è un equivoco di fondo, che Rai1 in particolare, coltiva: che lo “spettatore tipo” sia anziano e che, quindi, debba vivere di nostalgia e di ricordi. Direi che è poco carino nei confronti di chi ha raggiunto una certa età: è avere l’idea che un anziano sia un rimbambito. Per quanto riguarda il ritorno di Limiti, consiglierei al bravo conduttore-autore di non adagiarsi sul già visto, replicando se stesso. Ha delle idee, le faccia circolare.

Perché questo recupero della tv della memoria?
La tv di ieri aveva due grandi elementi, che quella di oggi ha smarrito. Il primo è la cura della confezione del programma: il regista era una pedina fondamentale, erano veri e propri artisti che avevano l’idea dell’immagine televisiva. Secondo: era una tivù che scopriva talenti. Il Benigni degli anni Settanta era molto più scomodo di oggi, eppure la Rai lo utilizzava, perché era un talento.

Archiviamo le teche e passiamo alle note dolenti: arriviamo da un mese di polemiche sulla gestione della redazione sportiva degli Europei di calcio e ancora gli echi non si sono spenti.
Era inevitabile: il problema è chela Rai non affronta più settimanalmente lo sport, in particolare il calcio dei campionati, fagocitato dall’onnivora Sky. La redazione dello sport della Rai è come una squadra che non gioca mai, come fa ad entrare in campo ben allenata? Gli è rimasta solo la diretta della Nazionale, una manciata di partite l’anno. Poi, c’è un problema clamoroso.

Quale?
Il disastro dei commentatori: non si capisce che competenze hanno, sono ex calciatori che farebbero bella figura in una tv locale, dove si cazzeggia la domenica pomeriggio. Pensavo che il peggiore fosse Collovati…

E invece chi è?
Dossena. Durante la finale Italia-Spagna, pochi secondi dopo che ha affermato che eravamo bravi a non dare profondità agli attaccanti spagnoli, siamo stati infilati. Per favore, ritorniamo alla vecchia telecronaca dei Martellini e dei Pizzul. Ora va di moda la telecronaca “corale” ma per realizzarla ci vuole gente brava.

E ora le Olimpiadi
È un problema serio. Si dice, e io non sono molto d’accordo, che non si possa togliere al pubblico che paga solo il canone, tutto lo sport. Tra l’altro non si può proprio fare: c’è una legge che obbliga la messa in onda in chiaro di grandi avvenimenti, per esempio le Olimpiadi. Per la Rai, sarà un momento delicatissimo: Sky ha investito una quantità di tecnologie e di risorse economiche incredibili, cosa che la Rai, in questo momento, è impossibilitata a fare. Per la Rai, se posso usare il termine, sarà un confronto drammatico: questa è la prima Olimpiade che viene trasmessa anche su una rete tematica.

Beh, Raidue sarà la rete tematica del servizio pubblico.
Sarà complicatissimo lo stesso. Sky avrà un’armata di dodici canali dedicati alle Olimpiadi, più un tredicesimo che trasmetterà “il meglio di…”. Una sfida impari, che potrà essere sostenuta solo da un particolare: le gare si svolgeranno in agosto, quando le famiglie in ferie non potranno disporre del satellite e quindi le trasmissioni Rai saranno le più raggiungibili. Sarà, comunque, uno snodo storico.

Per concludere: una previsione per la prossima stagione, ora che le grandi reti generaliste italiane hanno presentato i loro nuovi palinsesti
Non vedo elementi che possano recuperare un audience, in lenta ma costante fuga verso la pay tv. L’unico colpo grosso, a parte Michele Santoro su La7, che, proprio a tempi.it avevo anticipato ben due mesi fa, l’ha fatto Canale 5, aggiudicandosi la diretta dei due concerti di Adriano Celentano a ottobre.

Insomma, si punterà all’evento.
Dovrebbe essere questa la “mission” delle generaliste, ma, gli eventi, bisogna saperli costruire. La “serialità” la lascerei alla fiction, sempre che si sia capaci.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi