Google+

Signor presidente del Pakistan, con Asia Bibi non condannate una colpa, ma il nome di “cristiani”

dicembre 22, 2012 Ferdinando Camon

Appello di Ferdinando Camon a Zardari: «Se la donna avesse commesso qualche colpa, sarebbe giusto processarla, ma se si limita a dichiararsi cristiana e ad affermare la propria fede, non è giusto né imprigionarla né condannarla»

Oggi il quotidiano Avvenire – che da tempo ha lanciato una campagna per la liberazione di Asia Bibi, la cristiana incarcerata dal 2009 in Pakistan e condannata a morte per false accuse di “blasfemia” – pubblica l’appello al presidente della Repubblica islamica di Ferdinando Camon, scrittore italiano tradotto in 22 paesi del mondo. Lo riproponiamo qui sotto.
Anche
Tempi promuove la causa della liberazione di Asia Bibi, diffondendo l’invito di Antonio Socci a esporre l’immagine della donna cristiana perseguitata nei municipi d’Italia e mettendo a disposizione di tutti i lettori un taz&bao con alcune delle straordinarie parole che la donna ha scritto in una lettera pubblicata sempre da Avvenire (le potete leggere qui: «Se mi condannate perché amo Dio, sarò orgogliosa di sacrificarmi»).

Signor Presidente Asif Ali Zardari,
la condanna che la Giustizia del suo Paese infligge ad Asia Bibi, incarcerata solo perché è cristiana, ha una lunga storia. È una condanna a cui ricorrevano anche i Romani quando il Cristianesimo cominciava a diffondersi. Allora gli scrittori più illuminati, cristiani o non cristiani, rimproveravano all’imperatore di non punire una colpta, poiché non c’era colpa nei cristiani, ma di punire un nome, il nome di “cristiani”.

La stessa cosa sta succedendo ad Asia Bibi: se Asia Bibi avesse commesso qualche colpa, sarebbe giusto processarla, ma se si limita a dichiararsi cristiana e ad affermare la propria fede, non è giusto né imprigionarla né condannarla.
Lei è presidente di uno Stato che aspira al progresso, è una giusta aspirazione e noi tutti, italiani ed europei, speriamo che la storia la realizzi. Ma, signor Presidente, non esistono tante forme di progresso: esiste solo il progresso che va di pari passo con la civiltà e il riconoscimento dei diritti umani e civili, e, tra questi, quello di Asia Bibi di praticare la sua fede.

Un Pakistan che riconosca questo diritto e doni la libertà ad Asia Bibi, diventerà un Pakistan migliore. Un gesto del genere darebbe grandezza e dignità al suo Paese e al suo governo. Signor Presidente, noi l’aspettiamo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Patrizia Nagliati says:

    Chiedo che Asia Bibi sia liberata.

  2. Carla says:

    LIBERTÀ PER ASIA BIBI

    Carla

  3. Alfredo Conca says:

    Mi unisco all’appello per la liberazione di Asia Bibi.

  4. Barbara Conca says:

    Asia Bibi libera

  5. Marinella Enrialti says:

    Partecipo all’appello per la liberazione di Asia Bibi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi