Google+

Le sigarette elettroniche fanno male o no? Nel dubbio, lo Stato “salutista” vuole tassarle

dicembre 6, 2012 Francesco Amicone

Difficilmente possono nuocere più delle “bionde” vere. Però lo Stato italiano, dopo un sondaggio, ha deciso di tassarle come quelle normali

Salute dei cittadini (e dei loro conti) o salute dei conti pubblici? Per chi avesse pensato di smettere di fumare, e magari sostituire le sigarette con qualcosa di meno nocivo e costoso, come la variante elettronica, i tempi del risparmio potrebbero finire presto. Nel decreto legislativo sullo sviluppo al vaglio in parlamento, un emendamento paragona le sigarette elettroniche agli altri “succedanei” del tabacco. E poiché fra le ricariche delle e-cigaretts, si trovano minime dosi nicotina, ciò comporterebbe automaticamente l’applicazione dele stesse tasse e della stessa normativa delle sigarette normali a quelle elettroniche.

GLI INTERESSI IN GIOCO. In ballo ci sono gli interessi di tre industrie: delle tasse, del tabacco e delle e-cigaretts. Dopo lo sdoganamento pubblico da parte di personalità dello spettacolo (come Morgan, che a X Factor svapora in diretta), il governo ha deciso di passare all’attacco. Il fenomeno delle sigarette elettroniche potrebbe mandare in fumo qualche miliardo di accise che lo Stato riscuote grazie alla vendita del tabacco. Benché nessuno studio finora ne abbia dimostrato la tossicità, lo stato si attrezza al peggio e decide di tassarle.

LE ACCISE SUL TABACCO. Per ogni pacchetto di bionde, lo stato italiano guadagna circa il 75 per cento del prezzo. Gli incassi derivanti dalle accise superano i 10 miliardi annui. Dopo il loro sbarco in Italia, le e-cigaretts hanno guadagnato una buona fetta di mercato in continua crescita (3mila gli addetti italiani). Così  l’Istituto superiore di Sanità ha commissionato nel maggio scorso un sondaggio per verificare il mercato delle e-cigaretts e si è scoperto che il 20 per cento dei fumatori italiani usa o intende usare la sigaretta elettronica. Stando a questi dati, dunque, lo Stato avrebbe di che preoccuparsi: rischierebbe di incassare almeno due miliardi di euro annui in meno.

COSA DICONO LE RICERCHE. Fra agosto e settembre, sulla sicurezza o nocività della sigaretta elettronica si sono espresse due associazioni: l’European Society of Cardiology non fanno male al cuore, anche se nei non fumatori aumentano la pressione, l’European Respiratory Society ha paventato il rischio di restringimenti temporanei dei bronchi. Altre ricerche affermano che le sigarette elettroniche non producono catrame, non recano problemi di “fumo” passivo e non lasciano odore. L’unica controindicazione è la presenza di nicotina in alcune cartuccie, che però, secondo diversi studi, avrebbero le stesse proprietà dei chewingum alla nicotina.

I PRODUTTORI DI E-CIGARETTS. Contro l’emendamente, ovviamente, si sono schierati i produttori di sigarette elettroniche. Per Riccardo Ascione, presidente di Ovale Europe, si tratta della sottrazione di un’idea imprenditoriale “sana”, su cui molti hanno investito, da parte di uno Stato che fa gli interessi propri e delle industrie di tabacco. «In Inghilterra il governo appoggia e incoraggia l’utilizzo della sigaretta elettronica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. ciao, mi spiace deluderti ma le sigarette elettroniche funzionano solo per brevi periodi perchè il desiderio di smettere prima o poi ritorna e tu ci ricadi come un pollo, nuovamente!
    Se vuoi davvero smettere di fumare devi ricorrere ad altri metodi o a persone esperte del settore,
    I metodi sostitutivi come le gomme , le pillole, i cerotti e le sigarette elettroniche servono solo a generare BUSINESS e soldi e spesso sono indirettamente di proprietà delle case produttrici di sigarette.
    L’avresti mai detto?
    Ciao

    • Calogero Castrianni says:

      in risposta a Giovanni Nani chi ti risponde e uno che fuma da 50 anni e ha provato più volte non riuscendo a smettere,da quando uso la sigaretta elettronica che sono gia un mese ti dico che dal primo giorno non sento il desiderio della sigaretta e questo gia mi soddisfa,cosa succede dopo non lo so.una cosa e certa che stando ai risultati di oggi domani non saro^ pollo come tu dici ciao………..

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi