Google+

Siamo soldati, manteniamo la parola data. Il capitano Paglia e i due marò

gennaio 5, 2013 Francesco Amicone

Uomini, militari e stati. Nessuno dovrebbe sottrarsi alla parola data. Per Gianfranco Paglia (Fli), medaglia al valor militare, i due marò ci stanno dando un’utile lezione

Il Capitano e onorevole Gianfranco Paglia non ha dubbi: «Si doveva mantenere la parola data». E le incognite sul futuro processo, le indagini sommarie, la possibile ingiustizia? «Non c’è una ragione politica o di convenienza per venire meno a una promessa». I due militari italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dovevano tornare in India. Rispettare l’impegno assunto dal proprio governo, di riportarli a Kerala, dove stanno scontando gli arresti domiciliari in attesa di un pronunciamento della Corte Suprema sulla giurisdizione del caso. Per il deputato di Fli, medaglia d’oro al valor militare, questa era l’unica cosa giusta da fare.

Una promessa di Marò e non di marinai, insomma. Ma servirà a qualcosa?
Sì. Hanno capito che siamo un paese serio. Che gli italiani sono gente seria. Il rispetto della parola data è fondamentale in tutti i campi. E da parte dei soldati, a maggior ragione.

Non tutti rispettiamo le promesse, o ci riusciamo. I militari sembrano tenerci particolarmente.
Perché dobbiamo essere da esempio. Perché ci hanno insegnato a prendere le cose seriamente. Sono comportamenti che cerco di insegnare anche ai miei figli. Si deve spronare tutti a mantenere le promesse. E chi non ci riesce deve imparare a farlo, prendendo esempio da soldati come Latorre e Girone.

L’India potrebbe comportarsi diversamente, in termini di correttezza, dagli italiani. A che vale promettere, quindi?
A che vale la salvaguardia dei nostri soldati se dipende dall’infrangimento di una promessa? Anche in italia si apre la bocca, a sproposito, promettendo mille cose, e alla fine non si va da nessuna parte. Meglio essere corretti, con se stessi prima di tutto, fino in fondo, che non esserlo aspettando che facciano un passo prima gli altri.

Però è un po’ diverso, in questo caso. Ci potevano essere delle ragioni di Stato, per infrangere la promessa.
Io penso che ve ne fossero altre per non infrangerla. Per esempio: quando un paese non rispetta i patti, nessuno li rispetterà con esso. Quindi è meglio rispettarli.

I marò sono imprigionati da mesi. I magistrati indiani continuano a rinviare le decisioni sul caso. Non pensa che il governo italiano abbia usato una linea diplomatica troppo soft?
Mi sembra inutile discutere, ora, di quello che avrebbe dovuto fare prima il governo. Si potrebbe parlare anche del processo, che molti hanno definito ingiusto, ma non è quello che occorre. A parte le preoccupazioni per eventuali ulteriori rinvii da parte della Corte suprema, queste sono speculazioni non servono a farli ritornare in patria.

Cosa fare, allora?
Aspettare la decisione dei magistrati indiani e chiedere giustizia. A noi, la vicenda ci deve servire da lezione. Bisogna evitare che questo possa riaccadere e in questa direzione è andata la legge che permette l’utilizzo di contractors sulle navi italiane a rischio di pirateria. I militari si devono occupare di altro.

Crede che i due marò se la caveranno?
Vedremo. L’importante per loro è che si continuino a comportare da soldati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    la prima cosa da fare era cacciare quell’incapace di Terzi, degno successore di Frattini. siamo lo zimbello del mondo, prima col bunga bunga, poi dimostrando che non siamo capaci a tutelare noi stessi e tutto sempre perchè l’italia ha la gentilezza nel suo dna!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.