Google+

Sfiducia a Sandro Bondi, vincerà il no con 315 voti

gennaio 26, 2011 Emanuele Boffi

Si voterà oggi alle 16. La mozione dovrebbe essere respinta con 315 voti contrari e 306 favorevoli. Molti assenti previsti tra le file di Pd, Fli, Udc e Mpa. Intanto, ricomincia la noiosa storia della casa di Montecarlo per slegare Fini da Casini e farlo dimettere da presidente della Camera, come disse lui stesso: «Se sarà provato, mi dimetterò». Guai anche in casa Pd: le idee di Veltroni vengono criticate dal responsabile economico del partito

Oggi si vota alla Camera alle 16.00 la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni per far dimettere il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi. I numeri dicono che la mozione dovrebbe essere respinta. Alcuni parlamentari dell’Udc saranno, infatti, in Europa per partecipare al dibattito e poi votare giovedì contro le persecuzioni dei cristiani, altri (tra cui Pezzotta) sono malati.

Assenze anche nel Pd (Rossomando, Mogherini e Fedi), in Fli
(dove Luca Barbareschi, titubante se votare contro Bondi, è dato per assente “non giustificato”, mentre non ci saranno sicuramente Giulia Cosenza e la neomamma Giulia Bongiorno). Anche nell’Mpa si registrano malumori e pare che Ferdinando Latteri sia indeciso sul da farsi, così come Paolo Guzzanti, contrario «all’accanimento ad personam». Il pallottoliere dice dunque: 315 a 306 per la maggioranza.

Secondo voci di palazzo, Bondi poi si sentirebbe libero di lasciare il suo incarico
e tornare a fare il coordinatore del Pdl a tempo pieno. 

Torna alla ribalta la (noiosa) storia della casa di Montecarlo. Secondo i giornali di centrodestra – che hanno ricominciato a “picchiare” sul caso – sono in arrivo da Santa Lucia le carte che proverebbero che Giancarlo Tulliani, cognato di Fini, è il proprietario dell’immobile.

Così fosse, dicono nel Pdl, Giancarlo Fini dovrebbe dimettersi
(lo disse lui stesso: «Se sarà provato, mi dimetterò»). Chiara la strategia dei berlusconiani: colpire Fini per slegarlo da Casini e spostare l’attenzione mediatica dal caso Ruby al caso Montecarlo. 
In realtà, Fini dovrebbe dimettersi perché incapace di garantire una posizione super partes che il suo ruolo gli impone, non per questi presunti scandali immobiliari.



Una segnalazione. Oggi il Foglio pubblica un testo riservato firmato
dal responsabile economico del Pd, Stefano Fassina, che fa le pulci al recente discorso di Walter Veltroni al Lingotto. In esso, Fassina mette alla berlina le idee veltroniane in materia economica bollandole come inconsistenti. Interessante anche un passaggio contro «qualche autorevole quotidiano che è convinto di poter tornare ad eterodirigere il Pd» (leggi Repubblica).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download