Google+

Servono 17 miliardi per salvare il soldato Cipro. «La Merkel non bruci l’Europa per vincere le elezioni»

marzo 5, 2013 Matteo Rigamonti

Intervista a Dimitri Deliolanes, corrispondente dall’Italia della tv pubblica greca Ert. Lo Stato membro dell’Ue attende un piano di salvataggio da 17 miliardi.

Entro un mese l’Unione europea dovrà deliberare sul piano di salvataggio delle banche di Cipro, eccessivamente esposte verso i bond greci. Dalle casse di Nicosia, però, passano non soltanto i destini della piccola isola, Stato membro dell’Unione europea, ma anche l’immagine che i governanti dell’Unione vogliono dare di sé e del progetto comunitario. Una decisione che pesa di fronte a un governo, quello cipriota, «che ha da tempo intrapreso le politiche di risanamento e austerity richieste dall’Unione», come spiega a tempi.it Dimitri Deliolanes, corrispondente dall’Italia della tv pubblica greca Ert.

L’Unione europea deciderà entro fine marzo sugli aiuti a Cipro. A quanto dovrebbero ammontare gli aiuti?
Dovrebbe trattarsi di un pacchetto da 17 miliardi di euro, secondo stime non ancora ufficiali, che la Troika (Bce, Ue e Fmi) aveva deciso, già a novembre, di stanziare per il salvataggio dell’economia di Cipro, in seguito alle ripercussioni della crisi in Grecia. L’importo del piano di salvataggio da 17 miliardi è quasi pari alla totalità del pil cipriota e ben 10 miliardi di euro dovrebbero servire per ricapitalizzare le banche locali, troppo esposte verso i bond greci, un tempo molto remunerativi ma ora non più. I restanti 7 miliardi servirebbero, invece, a rifinanziare le sue attività.

«Se Cipro dovesse diventare disordinatamente insolvente, è molto probabile che questo lo porterebbe a uscire dall’area euro», ha detto solo qualche giorno fa il commissario Ue agli affari economici e monetari Olli Rehn. Sull’isola c’è apprensione?
Apprensione per le sorti del paese c’è, eccome; anche se, dopo l’elezione del nuovo presidente Nikos Anastasiades, esponente del Partito popolare europeo e vicino al ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schauble, il prosieguo della collaborazione con l’Unione europea per una ricapitalizzazione delle banche è possibile.

Intravede qualche ostacolo su questo percorso?
Il timore è che possano riemergere attriti con il governo tedesco che, già in passato, ha tentato di approfittare della crisi per fare concorrenza alle banche cipriote, a vantaggio di istituti bancari più vicini.

A cosa si riferisce?
Alla infame campagna stampa che lo scorso autunno ha cercato di far credere all’opinione pubblica che esistesse un presunto sistematico riciclaggio del denaro degli oligarchi russi da parte delle banche cipriote; un’opera diffamatoria che ha preso al balzo per l’occasione un report dei servizi segreti tedeschi, quando in realtà nessun organismo internazionale aveva mai sollevato alcuna accusa.

L’Europa verrà incontro a Cipro?
Me lo auguro! Dopo tutto 17 miliardi di euro spesi nell’ottica del risanamento europeo sono una cosa ridicola. Spero che la Merkel non voglia, per vincere le elezioni, bruciare l’Europa, seguendo come nel caso della Grecia una condotta di tipo imperiale alla quale sono seguiti tre anni di disastri: un’esperienza fallimentare.

Cipro ha da tempo intrapreso la via del risanamento dei conti e dell’economia.
Il governo di Cipro ha fin dal giugno scorso concordato e avviato un piano di tagli e misure di austerity. Con il recente cambio di governo c’è l’auspicio che questa strada verrà proseguita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana