Google+

Senza tristezza non si scalano le classifiche pop

giugno 16, 2012 Elisabetta Longo

Certe ricerche sono divertenti da leggere quanto inutili nella pratica. Ad esempio quella dello psicologo Schellenberg e del sociologo von Scheve, che hanno applicato la loro fatica per capire come sia cambiata la musica pop dagli anni Sessanta a oggi. Dopo lo studio sulle classifiche di Billboard, per capire come si possono prevedere i nuovi […]

Certe ricerche sono divertenti da leggere quanto inutili nella pratica. Ad esempio quella dello psicologo Schellenberg e del sociologo von Scheve, che hanno applicato la loro fatica per capire come sia cambiata la musica pop dagli anni Sessanta a oggi. Dopo lo studio sulle classifiche di Billboard, per capire come si possono prevedere i nuovi tormentoni, i due scienziati hanno indagato l’umore dei cantautori e dei brani arrivati in top ten. E hanno fatto una scoperta sconcertante, almeno per le case discografiche: la musica pop di oggi è sempre più triste. Lo dimostrano i battiti al minuto dei brani e le tonalità con cui i cantanti le eseguono. Più la melodia sarà in minore, quindi, maggiore sarà il successo del brano.

Come se non bastasse, la ricerca ha anche evidenziato che brani con testi da “dammi una lametta che mi taglio le vene” vendono molto di più. Se c’è un drammone d’amore la vetta della classifica è assicurata, esempio lampante è Adele, senza dimenticare James Blunt, la cui You’re Beautiful è la più eseguita ai funerali. «I testi dei maggiori successi pop sono diventati sempre più negativi e concentrati sull’io ma che anche la musica ha acquistato un suono sempre più triste e con maggiori sfumature emotive» hanno scritto i due studiosi sulle pagine della rivista scientifica Psychology of Aesthetics, Creativity and the Arts. «Molti sostengono che la musica pop sia banale nella sua spensieratezza, per questo adesso i compositori si tengono su un livello emotivo più basso, che sembra più interessante e più complicato! L’eccezione che conferma la regola però c’è, ed è come sempre Lady Gaga.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana