Google+

“Se ti fai una canna finisci in carcere”? Ci raccontano una favola (e senza nemmeno un numero)

gennaio 13, 2014 Redazione

Il Responsabile dell’ufficio legale della comunità di San Patrignano spiega perché cosa prevede la legge: «In prigione non ci sono detentori di cannabis, ma spacciatori»

A proposito della legalizzazione della cannabis oggi abbiamo pubblicato un’intervista al senatore Carlo Giovanardi che, assieme a Gianfranco Fini, dà il nome ad una legge che viene spesso (e non ingenuamente) travisata. Conferma di ciò è una lettera oggi pubblicata sul Corriere della Sera a firma di Marcello Chianese, Responsabile dell’ufficio legale della comunità di San Patrignano, che di seguito riproduciamo.

Caro direttore, nell’attuale dibattito sulle droghe una delle principali tesi sostenute dai legalizzatori e/o liberalizzatori è che nelle carceri italiane sono sovraffollate di ragazzi trovati in possesso di cannabis. Un convincimento che non riusciamo a capire da dove provenga e in base a quali numeri. Noi un dato statistico che ci permettesse di sostenere tale tesi non siamo mai riusciti a trovarlo. Ciò per la semplice constatazione che l’art.73 della legge 309/90, per tutti la Giovanardi Fini, che attualmente disciplina gli stupefacenti, non prevede distinzione fra droghe cosiddette leggere e quelle droghe considerate pesanti e conseguentemente non vi è distinzione nel raccoglimento dei dati. Detto questo però siamo convinti che in carcere non vi sia un solo semplice detentore di cannabis. Quando sono presenti detentori di cannabis è perché al tempo stesso si tratta di spacciatori. La legge infatti, al contrario di quanto affermato da alcuni, da sempre punisce lo spaccio e non la detenzione. Infatti il comma uno bis dell’articolo 73 che fa riferimento alla detenzione dice che un giudice per condannare un detentore di qualsiasi tipo di stupefacente deve dimostrare che la sostanza deve apparire destinata ad un uso non esclusivamente personale. Un giudice quindi per condannare un soggetto per detenzione di stupefacente deve (perché giuridicamente ne ha lui l’obbligo) motivare la sentenza affermando che la droga fosse ragionevolmente destinata allo spaccio. Ciò è pacifico in giurisprudenza e logico in termini letterali tanto che il legislatore ha sentito l’esigenza di disciplinare l’ipotesi del mero detentore, vale a dire del soggetto trovato con dosi di cannabis tali da far ritenere l’uso personale, con le sanzioni amministrative come specificato nell’articolo 75. Nessuno quindi può essere in carcere con una sentenza di condanna definitiva per aver detenuto qualche spinello perché nessuno ha mai inteso farlo.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.