Google+

Se Renzi batte Bersani poi deve sconfiggere un avversario ancor più ostico: il tempo

novembre 29, 2012 Vito Costa

Se al ballottaggio dovesse prevalere il sindaco di Firenze, poi gli rimarrebbero solo tre mesi per diventare il leader della coalizione. Se perdesse con una buona percentuale, avrebbe più tempo (e più vantaggi)

Facciamo finta che Matteo Renzi sia riuscito a sovvertire l’esito del primo turno e abbia vinto il ballottaggio delle primarie. Che Pd si trova di fronte, a pochi mesi dalle elezioni politiche?

Sicuramente un partito in cui è fortemente minoritario, soprattutto nella struttura. Il sindaco di Firenze annovera tra le sue file circa una dozzina di parlamentari e qualche segreteria provinciale, poi “cani sciolti” qua e là, sindaci e amministratori locali di perlopiù piccole realtà territoriali. L’alta dirigenza, tranne il vice-presidente Ivan Scalfarotto, tutta schierata contro, specialmente la presidentessa Rosy Bindi e Massimo D’Alema, che hanno già dichiarato battaglia nel caso di una sua vittoria.

Sarà molto dura per lui far emergere le proprie istanze e i propri uomini nella struttura di un partito che lo avverte in gran parte come un corpo estraneo, come destrutturante, come “altro” rispetto al Pd. Ha bisogno del segretario Pierluigi Bersani e ha bisogno di tempo. Sul primo può contare, e lo sa; sul secondo no, e forse sa anche questo.

Su Bersani può contare perché il segretario non solo è persona corretta, ma soprattutto è consapevole che trascurare, od ostacolare, la “corrente renziana” è controproducente per il partito e per il Paese. Sarebbe un errore politico grave, che magari commetterebbero altri, ma non il segretario. La dimensione che l’elettorato ha fornito al sindaco di Firenze va, se non proporzionalmente rispecchiata, quantomeno rispettata nel partito. E in questo senso il lavoro di Renzi e Bersani deve finire con l’imporsi necessariamente prima del congresso con cui si sceglieranno (forse con le primarie) i candidati al Parlamento.

Ma qui, appunto, entra in gioco la variabile tempo. Se tutto va come Napolitano ha sottilmente indicato, si vota il 10 marzo. Matteo Renzi ha tre mesi, giorno più giorno meno, per diventare leader riconosciuto non solo del Pd, ma della coalizione (di quale coalizione, e se coalizione sarà, è un altro elemento di non poco conto). Nell’elettorato il problema non sussiste, nel partito sì. Deve riuscire a trasformare molta avversione in sostegno, deve riuscire a tenere unito il Pd, deve riuscire a far valere come dovuto il suo programma, deve riuscire a fare emergere i suoi uomini, soprattutto quelli nuovi. Un’impresa da portare a termine in tre mesi, pena la fragilità interna del suo eventuale governo e della sua eventuale maggioranza. In un momento di cruciale svolta per il Paese.

Non che Renzi si abbatta di fronte a certe vette da scalare, tutt’altro; ma forse qualche “maremma bucaiola” la lancerà al pensiero che se avesse perso bene, con un 40-44% al ballottaggio, certi diritti d’importanza ce li avrebbe avuti lo stesso, accompagnati però da una disponibilità di tempo maggiore. Maggiore ma non eccessiva, nel caso in cui, come certi scenari lasciano prevedere, Bersani non riuscisse a portare a termine la sua legislatura da premier.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Cl scrive:

    Se Renzi vince prende un sacco di voti dalle persone non ideologizzate che prima votavano PDL..il mio compreso

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Traffico in tilt”, “Caos viabilità”, “Bus e tram a singhiozzo”, “Allarme smog e traffico record” sono solo alcuni esempi di titoli che puntualmente leggiamo sui vari canali di informazione e di situazioni che ci troviamo ad affrontare quasi ogni giorno. Ciò si verifica anche nella Capitale, dove la viabilità è una questione tra le più complesse a livello europeo […]

L'articolo Lo scooter “al minuto” eCooltra sulle strade della Capitale proviene da RED Live.

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana