Google+

Se Ramsey segnasse come Ibrahimovic i personaggi famosi ne uscirebbero decimati

marzo 12, 2012 Daniele Ciacci

Speriamo che le superstizioni non frenino il talentuoso trequartista dell’Arsenal. Dopo le sue reti, infatti, sono morti Osama Bin Laden, Steve Jobs, Gheddafi e Whitney Houston. Curiosa coincidenza o strani poteri occulti? Chi lo sa, intanto i tifosi sperano che diventi uno dei migliori marcatori della stagione mentre i vip toccano ferro.

Aaron Ramsey, trequartista gallese e gioiello dell’Arsenal di Arsene Wenger, ha una media gol decisamente bassa. E questa è una fortuna per i molti superstiziosi amanti dell’occulto e delle statistiche. Sì, perché ogni volta che il giovane centrocampista dei Gunners mette la palla in rete, una celebrità muore. O almeno, questo dicono le coincidenze, tant’è che in Inghilterra c’è chi scommette su chi sarà la prossima vittima del “biondo angelo della morte”. Quando Ramsey si fratturò la gamba per un fallo di Ryan Shawcross, che lo costrinse a una degenza di nove mesi, era il 27 febbraio del 2010. Il giorno dopo, un forte terremoto squassò la superficie del Cile, lasciando dietro ruderi e distruzione. Ai tempi però Aaron era un ventenne giocatore dell’Arsenal giunto da poco dalle file del Cardiff City, con qualche esperienza nella nazionale Under-21 dei dragoni. Nessuno sospettava che potesse avere occulti poteri. Neppure quando, al suo ritorno, segnò in Premier League contro il Manchester United. Il suo gol costò la sconfitta alla formazione di Sir Alex Ferguson e la vita a Bin Laden, scovato dalle truppe d’élite americane e freddato in Pakistan.

Ma, si sa, ci vogliono tre coincidenze per creare una prova. E questa arriva il 2 ottobre dello stesso anno, quando un bell’inserimento di Ramsey su assist di Song non basta per ottenere i tre punti. Il Tottenham, nel derby di Londra, supera i Gunners. Tre giorni dopo, il mondo piange la scomparsa del genio mediatico Steve Jobs, Ceo della Apple. Inizia a girare la voce della presunta maledizione del piede di Aaron Ramsey. Ma Wenger non si fa coinvolgere da queste inutili superstizioni e continua a schierare il gallese dietro il capitano Robin Van Persie che, fortunatamente, capitalizza ben più dello sfortunato trequartista. Adesso, in Premier League ha già 15 sigle ed è capocannoniere. Se ci fosse stato Aaron al suo posto il mondo delle celebrities ne sarebbe uscito decimato.

Due settimane dopo la morte di Steve Jobs, l’Arsenal si scontra con il Marsiglia nel giorne F di Champions League. Una partita noiosa, contratta, dove lo 0 a 0 sembra l’unico risultato in grado di soddisfare entrambe le formazione. Se non fosse per l’ultimo blitz del numero 16 dei Gunners, che al 92esimo regala tre punti alla squadra inglese. Il giorno dopo, in Libia muore Gheddafi. I matematici direbbero: “come volevasi dimostrare”. L’11 febbraio 2012 l’Arsenal vive un momento difficile del suo campionato. Tanto più che rischia di perdere contro il Sunderland. In una sola azione, il pilastro difensivo Per Mertescaker s’infortuna e la McClean buca la porta di Szczęsny. La situazione è complicata e Wenger fa subentrare Ramsey che in due minuti fa partire un destro potente da fuori area. Il pallone colpisce il palo interno, poi viaggia lungo la linea di porta fino a rimbalzare contro il palo opposto. Chissà cos’hanno pensato i più superstiziosi quando la palla rotola fortunatamente verso la rete. Il giorno dopo, sui giornali compare la notizia della morte di Whitney Houston, la regina del pop. Un’altra maledetta coincidenza? Sicuramente sì, ma non sono tutti di questa opinione. O almeno, non lo sono i tailandesi che al talento dell’Arsenal hanno dedicato una delle loro celeberrime animazioni.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana