Google+

Se nemmeno i leghisti difendono il Carroccio

aprile 12, 2012 Renato Farina

Vedere il pm Woodcock guidare, manu militari, l’occupazione della Lega Nord è un’immagine di sottomissione della sovranità popolare a una super-sovranità giudiziaria. Succede in Italia. Dove, per acchiappare un topo, distruggono il formaggio.

Com’è noto io mi ribello. Ecco, mi ribello all’invasione di una sede nazionale di partito da parte di forze dello Stato. Vedere il pm Woodcock guidare, manu militari, l’occupazione della Lega Nord a Milano, via Bellerio, è un’immagine simbolica tremenda, di sottomissione della sovranità popolare a una super-sovranità giudiziaria. Ovvio, se ci sono reati, la magistratura procede. Ma esiste in democrazia un equilibrio tra componenti costituzionali della democrazia che non può consentire gesti di umiliazione che sporcano gli ideali creduti e vissuti di tanta gente.

La risposta la conosco: offendono di più gli ideali i ladri che s’infilano nei partiti come topi nel formaggio. Giusto. Ma non si può distruggere il formaggio (la casa) per acchiappare i topi (i ladri). La cosa triste è l’assenza di risposta della politica e in particolare della Lega. Nel 1996, 15 settembre, si verificò la stessa situazione. Mandato di perquisizione alla medesima sede di via Bellerio a Milano. Sul Giornale del dì seguente la prima pagina fu occupata dalla gigantesca foto della testa di Maroni immobilizzato e buttato a terra. Il titolo: “Lo Stato è impazzito”. Oggi invece la Lega ha aperto le porte, Maroni non si lamenta dell’invasione, che è una violazione morale a prescindere dalle colpe eventuali del tesoriere di partito, anzi di fatto l’avalla. Gli altri partiti? Solo dal Pdl sono arrivate testimonianze di solidarietà a Bossi. Ottimo ma un po’ poco. Credo che proprio da queste inesistenti risposte i partiti mostrino di essere degni di essere stracciati. Per costruire cosa? Una faccenda nuova e antica, che si ancori alla tradizione, ma respiri le cose azzurre berlusconiane, senza cacciare nessuno, ma consapevoli che non c’è più spazio per una politica che non sia passione per una vita buona (consiglio il libro Scola-Cazzullo La vita buona).

Io noto il potere immenso dei mass media, e mi domando a chi obbediscono (domanda retorica: obbediscono senza malizia al potere). La Lega non ha avuto un filo di difesa, una notiziola positiva da nessuna parte. La famiglia Bossi è stata squartata viva. Nel frattempo, giustamente, il viaggio di Mario Monti in Oriente è stato dipinto come un clamoroso successo, anche personale. Ne godo. Monti è bravissimo. Poi si apprende che il discorso di Obama a Seul, che avrebbe contenuto l’elogio di Monti (il quale non l’avrebbe udito perché trattenuto al telefono da Cicchitto), è stato riferito dai giornalisti senza che nessuno lo abbia udito. In compenso si è appreso poi che questo elogio non c’è mai stato… In compenso si è continuato a contrapporre la provincialità di un Cicchitto che telefona al premier, mentre costui era ritenuto da Obama artefice della pace mondiale. Quante balle, e nessuna scusa… Dopo di che va a Pechino. Successo clamoroso, scrivono in prima pagina i quotidiani e i Tg italiani. Corriere della Sera, 28 marzo: “Hu Jintao a Monti. La promessa di Pechino: «In Italia per investire»”.

Fantastico. Poi leggo su Asianews per la penna magnifica di Bernardo Cervellera: «Nessuna giornale cinese, nemmeno la Xinhua ha riportato quella frase o citato una riga del dialogo fra il nostro premier e il presidente cinese. Questo fa supporre che forse per i cinesi quella frase non è tanto importante come per noi, o che siano solo parole di circostanza». Qualcun altro che abbia scavato sulla faccenda? Nessuna parola peraltro sui due vescovi cattolici detenuti in gulag, non ne riferiscono, questa volta concordi, né i quotidiani cinesi né quelli italiani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.