Google+

Se lo dicevi prima che eri uguale a noi, vincevi facilissimo

settembre 28, 2017 Guia Soncini

Il tuo libro era proprio la cronaca dei tuoi giorni post-elettorali. Quello che ti piaceva – l’elettorato americano – ti aveva preferito un’altra (non importa se l’altra è un maschio)

Hillary Clinton ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Cara Guia, non vedevo l’ora di scrivere questo libro per raccontare come avevo fatto. Mi fa molto piacere sapere che posso essere d’aiuto e d’esempio a tutte le donne che si dovessero trovare nella mia situazione. È un momento difficile per tutte, ma si può superare. Ti consigliano lo Xanax, ma io trovo non faccia per me: anche nei momenti di grande dolore, non voglio attutire ciò che provo, non voglio stordirmi. Ho parlato con alcuni medici che mi hanno detto che non avevano mai prescritto tanti antidepressivi come in quel periodo, ma io chiedo a me stessa di meglio: d’essere più forte.

guia-SonciniLo Chardonnay, però, sì. Un bicchiere, anche due. Da quelle parti lo bevete? Non m’intendo di vini europei, ma insomma qualche bicchiere di bianco non fa male (va bene anche il rosso, se si accorda meglio alla tua elaborazione del lutto). E poi lo yoga. Non so se ti hanno mai parlato della respirazione yoga, il diaframma, l’apertura del plesso solare, respirare una narice alla volta. Lo so, penserai siano tutte puttanate, lo pensavo anch’io, e invece aiuta la concentrazione e la calma, dopo mi sentivo meglio. Anche perché, diciamocelo: sentirsi peggio sarebbe stato difficile. E la natura. Ah, i miracoli dell’aria aperta. C’è una ragione per cui, quando eravamo bambini, ci dicevano di respirare aria buona.

E concentrarsi su un progetto nuovo. Per me, è stata la ristrutturazione di una casa vicina a quella in cui vivo, così i parenti potevano venire in visita più comodamente (se poi non vengono, meglio: intanto tu ti sei tenuta la mente occupata a parlare con idraulici e piastrellisti). E poi mi sono messa a buttare vestiti (quella Marie Kondo è meglio dello Xanax!) o a regalarli alle amiche, e poi ho letto tutti i libri che fin lì avevo accantonato (Elena Ferrante!), sono andata a teatro a vedere spettacoli seri ma anche le recite scolastiche della mia nipotina, e ho recuperato tutte le serie televisive rispetto alle quali ero rimasta indietro: il lato migliore dell’elaborazione del lutto è che finalmente sai come va a finire Downton Abbey. Insomma, non credi che il mio libro sia un perfetto manuale che ogni donna dovrebbe leggere per sapere come sopravvivere quando quello che ti piaceva scappa con un’altra?
[Hillary R. C.]

Cara Hillary, ti confesso che, arrivata a quel punto delle tue memorie, ho creduto d’aver sbagliato a cliccare sul Kindle, e di avere invece aperto qualche vecchio libro di chick lit tedesca, di quelli in cui lui non la vuole più e lei prima si impasticca e si sbronza, poi cerca di trovare un modo di convivere con la delusione a mezzo sport o meditazione, poi esce di nuovo di casa e si dà ai consumi culturali, e infine si dice: sai che c’è?, tutto sommato sto meglio da sola, quando mai avrei avuto il tempo di vedere un’intera stagione di House of Cards in un weekend. Poi ho capito che no, quella era proprio la cronaca dei tuoi giorni post-elettorali, e in fondo era giusto così. Quello che ti piaceva – l’elettorato americano – ti aveva preferito un’altra (non importa se l’altra è un maschio: se passa più tempo a sistemarsi i capelli di te, è una rivale in tacchi a spillo nell’animo, anche se non nell’anagrafe).

Ti aveva piantato senza preavviso, proprio quando avevi già versato la caparra sulla casa nella quale andare a vivere insieme, proprio quando eri finalmente sicura di te, avevi superato i problemi tuoi di donna, e credevi sarebbe stato per sempre. Insomma, ti aveva piantata nel più stronzo dei modi, e tu cosa potevi mai fare? Yoga. Chardonnay. Elena Ferrante.

Cara Hillary, ti confesso che a quel punto mi sono commossa. Ho pensato che vincere sarebbe stato facilissimo. Ti sarebbe bastato svelare prima quanto ci somigliavi. A noi donnette qualunque, che se uno ci pianta andiamo a lamentarci all’happy hour, fingiamo sollievo perché abbiamo più tempo per noi stesse, e passiamo pagine e pagine a dire che amiche meravigliose abbiamo, e quanto le donne sappiano essere solidali. Una di noi, che fingiamo benissimo di non odiare le donne. 

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download