Google+

Se l’Ilva chiude è un disastro. Per gli operai e per l’Italia

novembre 27, 2012 Redazione

Il ministro Clini critica la magistratura e l’arcivescovo della città Filippo Santoro si dà da fare per trovare una soluzione condivisa. Intanto si fanno i conti: per l’economia del paese sarebbe un danno

«Per l’Ilva non deve essere perso un centimetro del lavoro fatto finora. Lo ha ribadito il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini a margine di un convegno a Venezia». Il ministro reagisce a quanto deciso ieri dell’azienda di chiudere gli stabilimenti e lasciare a casa cinquemila dipendenti. Questo dopo che la magistratura ha disposto sette arresti sequestrando i prodotti finiti e semilavorati. (Qui l’intervista di Clini a Tempi: “L’Ilva si può risanare”)
«Abbiamo lavorato in questi mesi – ha detto Clini – avendo esattamente in mente l’esigenza di coniugare le attività produttive con la difesa dell’ambiente e della salute: nemmeno un centimetro di questo lavoro va perso». Clini ha criticato la magistratura che, con una decisione «in forte contrasto con l’Aia», «ha assunto un’iniziativa che determina di conseguenza il blocco degli impianti. Noi abbiamo la responsabilità del governo del Paese, dell’applicazione delle leggi. Proprio per questo, avendo in mente come obiettivo prioritario la difesa del lavoro, della salute e dell’ambiente, lavoreremo per la sua applicazione».

L’ARCIVESCOVO SANTORO. Intanto questa mattina su Avvenire è apparsa un’intervista all’arcivescovo della città, monsignor Filippo Santoro (leggi qui l’intervista che rilasciò a tempi.it) nel quale si auspicano «soluzioni condivise». Santoro dice a Marina Luzzi di seguire da vicino la vicenda e di pregare la Madonna affidandole «la Salute la città ed i suoi figli, che non meritano quello che sta accadendo loro. Proprio in questa circostanza siamo chiamati a sostenere la fede del nostro popolo».
L’arcivescovo chiede all’azienda di «andare oltre questo inutile braccio di ferro con la magistratura che non porterà da nessuna parte. Mi sembra che il procuratore Sebastio abbia ribadito la volontà di trovare soluzioni condivise. Ripartiamo da un dialogo ragionevole per il bene di tutti». E dice aglio operai di «non abbandonarsi alla disperazione. Di stringersi ed essere solidali l’uno con l’altro, di non chiudersi nel risentimento. Continuo a sperare che ci possa essere una soluzione condivisa che tenga in conto il rispetto dell’ambiente, della salute e il diritto al lavoro». Infine, una richiesta anche «allo Stato, di cui sia la magistratura che il governo sono parte». Santoro si augura che «possa trovare risposte adeguate in modo che il problema non sia scaricato sulla città. Questo è un caso limite da cui ripartire per difendere i diritti fondamentali della Costituzione come la salute e il lavoro. Non lasciate soli i tarantini».

DANNO A CATENA PER L’ITALIA. Come scrive Enrico Marro sul Corriere della Sera, «se chiude l’Ilva di Taranto, scompare l’ultimo grande impianto in Italia per la produzione di acciaio a ciclo integrale, dall’altoforno ai laminati, ai tubi. Per il gruppo Riva, quarto in Europa nella siderurgia, sarebbe un colpo durissimo. Per l’economia italiana un danno a catena, che colpirebbe, innanzitutto gli altri stabilimenti del gruppo (Novi Ligure, Racconigi, Marghera e Patrica), quindi l’indotto (oltre ai 12 mila dipendenti diretti, ce ne sono tra i 5 e i 7 mila che vivono dei servizi che ruotano intorno al megastabilimento, il più grande d’Europa, e i clienti, che vanno dal distretto metalmeccanico di Brescia all’industria degli elettrodomestici, dai cantieri navali al settore dell’auto, dall’edilizia al comparto dell’energia. Tanto che Federacciai-Confindustria ha quantificato in una cifra oscillante tra 5,7 miliardi e 8,2 miliardi di euro le ripercussioni negative sull’economia nazionale. Cioè qualcosa che può valere mezzo punto del prodotto interno lordo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. viccrep says:

    i magistrati si svegliano quando l’ilva è privata quando era statale dormivano.
    poi le varie consulenze in loro mano mi risultano che non siano così certe e molto approssimative.
    Perché sequestrare il materiale finito e semilavorato pronto per altre officine dell’ilva in italia.
    I magistrati provocano danni, ma quando anche questo finirà in nulla, i magistrati non avranno nessuna responsabilità.
    Probabilmente hanno un paio di occhiali verdi.
    La giustizia in italia è un vero disastro, il peggior guaio per l’Italia

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi