Google+

Se il Pd vince in Lombardia, addio buono scuola?

dicembre 10, 2012 Daniele Ciacci

I tre candidati del Pd per la Regione hanno espresso le loro idee sulla scuola. Ambrosoli è contro i pregiudizi, Kustermann è contro la scuola privata, Di Stefano non vuole il buono scuola.

Scuola pubblica, scuola privata. La perenne antinomia dell’istruzione si gioca, in questi giorni, in territorio lombardo. Il 15 dicembre le primarie del Pd tra i tre candidati del centrosinistra. Una poltrona sola per tre aspiranti governatori: Umberto Ambrosoli, avvocato, Alessandra Kustermann, medico, e Andrea Di Stefano, giornalista. Da qualche tempo è iniziata la battaglia politica, con tanto di convegni e stoccate via stampa. Gli argomenti delicati sono tanti: la sanità, il lavoro, la famiglia, le politiche sociali. In particolare il “buono scuola” – garantito dalla Regione per dare sussidi economici alle famiglie interessate a iscrivere i propri figli in istituti privati – è il pomo della discordia.

NO AL CONTRASTO. Umberto Ambrosoli, 41 anni, avvocato, figlio del'”eroe borghese” Giorgio, ha il favore dei pronostici. Candidato all’interno di una lista civica, moderato, viene dipinto con tinte liberiste che gli avversari mal digeriscono. Il 24 novembre, in un incontro all’Auditorio di piazza Wagner, ha ripetuto il suo secco no ai «pregiudizi» sulla scuola pubblica. Previ controlli rigorosi, è possibile sostenerla con denaro pubblico. In disaccordo con un «tutto pubblico in antitesi a un tutto privato», Ambrosoli non è disposto ad avanzare una «guerra santa per eliminare la scuola privata». Anche ieri, al terzo confronto delle primarie civiche a Brescia, ha ribadito la sua posizione.

ADIEU VOUCHER. Di tutt’altra opinione Alessandra Kustermann, direttrice del pronto soccorso ostetrico e ginecologico della clinica Mangiagalli: «Nella scuola è necessario – scrive nel suo programma – un riequilibrio a favore del pubblico. I contributi alle scuola private, spesso di livello e utili, vanno elargiti solo dopo aver garantito adeguate risorse alle scuole pubbliche». Il medico contrasta l’apertura di Ambrosoli al settore privato: «In un momento di grande crisi, l’istruzione, la formazione e la cultura sono gli unici strumenti per garantire ai nostri giovani un futuro». Ed è per questo che, nei piani della Kustermann, abolire il voucher regionale non è un’opzione, ma una necessità.

LIBERTA’ E LAICITA’. Dello stesso avviso Andrea Di Stefano, giornalista e autore radiofonico, il quale non si discosta molto dalla posizione della candidata civica: «Le politiche di Formigoni – è il pensiero di Di Stefano – sono state caratterizzate dalla retorica ideologica della “libera scelta”». Un peccato che ha contribuito al dirottamento dei fondi pubblici a istituti privati, tanto che l’aspirante governatore programma una «progressiva diminuzione dei fondi alle scuole private; nel 2011 l’80 per cento dei 51 milioni destinati dalla Regione alla Dote scuola sono andati alle scuole private con il meccanismo del “Buono scuola” versato dalle famiglie. Questo di fatto costituisce un finanziamento alle scuole private» e cozza con «la realizzazione dei principi di libertà, uguaglianza e laicità» che garantisce la Costituzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Emilio says:

    IL punto è che le famiglie devono poter scegliere liberamente il modello educativo e l’istruzione per i propri figli! Solo un paese che ha paura della libertà e vive combattendo i propri cittadini non garantisce la libertà di educazione!
    Basta con i pregiudizi ideologici, Dio ci scampi dal PD e dalle sue idee liberticide verso i genitori e le famiglie. La scuola è tutta pubblica perchè offre un servizio pubblico! La scuola gestita dallo stato non è povera, tutt’altro. Forse è solo un po’ sciupona

    • Isidoro says:

      Emilio, Lei sa meglio di me che la “LIBERA SCELTA EDUCATIVA “, purtroppo, la possono fare solo le famiglie abbienti e di conseguenza tanto libera non è, per cui è auspicabile che ogni Euro speso per l’EDUCAZIONE E LA FORMAZIONE da parte delle Istituzioni sia finalizzato solo ed esclusivamente all’offerta educativa pubblica che ne ha tanto bisogno.
      Concludendo, la libera e sacrosanta scelta che ognuno fa relativamente all’educazione dei propri figli è legittima ma certamente non deve costare nulla alla collettività.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.