Google+

Se decade, Berlusconi potrebbe essere arrestato. Basta una procura «birichina», suggerisce Repubblica

novembre 27, 2013 Redazione

A lanciare l’avvertimento è Repubblica. Liana Milella: un giudice potrebbe far ammanettare l’ex presidente del Consiglio già stasera «mentre arringa i suoi fan in piazza»

«E adesso, che ne sarà di Silvio»? Non bastasse la condanna definitiva, l’interdizione dai pubblici uffici, l’espulsione dal parlamento, Berlusconi«non potrà più fregiarsi del titolo di Cavaliere» e potrebbe finire in carcere, già stasera. Lo scrive oggi su Repubblica Liana Milella. In un’insolita auto-intervista, la cronista giudiziaria del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari dipana «dubbi, incertezze, punti interrogativi» sul destino che attende l’ex presidente del Consiglio.

L’AUTO-INTERVISTA DI MILELLA. Se l’arbitro estrarrà il «cartellino rosso», se il parlamento voterà la decadenza del senatore Berlusconi «non potrà correre né per palazzo Chigi, né per Camera o Senato», avverte Milella. Berlusconi non sarà più senatore? Quando? «Subito», si auto-risponde la giornalista. «Pare che, proprio per questo, abbia deciso di non essere presente in aula durante la discussione, né tantomeno al momento del voto». «Sarebbe troppo umiliante», ipotizza la giornalista, «sentire il presidente Pietro Grasso pronunciare la formula di rito, “invito i commessi ad accompagnare il senatore decaduto Berlusconi fuori dall’aula”».

BERLUSCONI ARRESTABILE DA STASERA. «Ebbene sì», prosegue Milella, «il leader di Forza Italia, mentre arringa i suoi fan in piazza, potrebbe anche essere arrestato». Se la votazione attesa per le 17 di stasera si concludesse negativamente per Berlusconi, la sua libertà e la stabilità politica italiana sarebbe appesa alle decisioni di un giudice per le indagini preliminari. Se «una procura birichina si fosse già premunita del sì del giudice a una misura cautelare», continua Milella, Berlusconi potrebbe finire in catene a causa di una delle numerose indagini aperte sul suo conto. Basta la firma di un gip. «Ovviamente i suoi avvocati lo escludono, la ritengono un’ipotesi assurda, oltre il limite della provocazione». Eppure, chissà, «tutto può succedere», suggerisce la giornalista.

DIPENDE DAI GIUDICI. Per quanto riguarda la condanna per frode fiscale, non è detto che Berlusconi vada ai servizi sociali. Potrebbe finire agli arresti domiciliari. «È il magistrato di sorveglianza», nota Milella, che «deve assumersi la responsabilità di decidere se il condannato merita oppure no la forma più lieve di espiazione della pena». Secondo la giornalista, però, «chi sente Berlusconi inveire pesantemente contro i giudici pensa subito che dovrebbe finire in ceppi». In ogni caso, per Milella, «è fuori di dubbio che, per 9 mesi, e se non intervengono nel frattempo eventuali fatti nuovi, Silvio sarà fortemente limitato nei suoi spostamenti e nei suoi contatti». «Ogni appuntamento dovrà chiedere un permesso al giudice»: difficile fare campagna elettorale in quelle condizioni, conclude l’autrice dell’autointervista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    per salvarsi silvio dovrebbe prendere la tessera del PD

  2. beppe scrive:

    lo ripeterò fino alla noia: le facce dei manifestati CONTRO BERLUSCONI mi fanno capire dove può arrivare l’odio politico , la cattiveria umana e la stupidità. e in quelle facce purtroppo riconosco tanta gente che frequenta le sacrestie … mi auguro che il male che hanno desiderato per Lui RICADA SU DI LORO.

    • Poverinoi scrive:

      Sarà profuso sicuramente un grande impegno per bloccare Berlusconi , altrimenti non sarebbe valsa la pena attuare la pessima figura fatta dai giustizialisti con il voto della decadenza .
      Ma se Silvio non potrà partecipare direttamente alla campagna elettorale , si centuplicherà lo sforzo del popolo, indignato, del centrodx .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana