Google+

Se curare il nonno è un gioco che non vale la candela

marzo 7, 2014 Marcella Manghi

Il governo britannico ha da poco presentato una proposta di legge che mira a togliere o limitare l’assistenza sanitaria alle persone anziane. Siamo davvero pronti a una vita mediocre basata sul freddo calcolo di costi-benefici?

Leggo online che il governo britannico ha da poco presentato una proposta di legge che mira a togliere o limitare l’assistenza sanitaria alle persone anziane che hanno vissuto già abbastanza e hanno ricevuto cure più che adeguate nel corso della loro esistenza. Insomma, in tempi di tagli alla sanità, si cura il malato ma solo se il gioco vale la candela: selezione darwiniana all’ultimo stadio. Il criterio presente in questa proposta non è nuovo: l’aveva già coniato due secoli fa il giurista e filosofo Jeremy Bentham, affermando che occorre perseguire la «massima felicità per il massimo numero di persone», anche a costo di sacrificare sull’altare del beneficio di molti la “felicità” di alcuni. Ora: se la spesa sanitaria venisse contemplata solo in relazione ad una aspettativa di vita decente, viene da chiedermi se le restanti spese pubbliche non seguiranno la stessa sorte.

Giusto oggi, mio figlio mi ha portato a casa il compito di matematica: la quarta insufficienza del trimestre. Un bel pasticcio. Qual è la sua aspettativa d’uscita a pieni voti? Molto bassa. E l’impegno profuso da zelanti insegnanti pagati a suon di denaro pubblico? Molto alto. Di questo passo mi diranno che il pargolo – rispetto al potenziale successo – ha già ricevuto abbastanza dalla scuola. Già mi vedo il verdetto di fine anno. Bocciato, e senza possibilità di ripetere: suo figlio è una risorsa su cui non investire.

Stando così le cose, non sarà bene che mi adatti subito anche io – nel mio piccolo – a questo nuovo modo di pensare? Ecco che mi viene subito il dubbio sulla cena di stasera: cosa cucino? Stavo or ora per mettermi in ballo a preparare un bello stufato di cinghiale con polenta. Ma se è vero che anche il tempo è denaro e rappresenta una risorsa, mi domando: varrà la pena di allocare mezza giornata di spignattamento solo per marinare, scottare, insaporire e brasare un pezzo di carne? Vediamo: quanto durerà la pietanza nel piatto? Dieci minuti scarsi, e sono generosa. Senza dubbio, una sproporzione! Da stasera, niente più meticolosi manicaretti perditempo: pomodori e tonno per tutti. Anzi, facciamo pomodoro e mozzarella: ci guadagniamo un po’ di calcio per le ossa. Visto l’andazzo, un po’ fieno in cascina per la fragile vecchiaia non farà male.
Siamo davvero pronti a una vita mediocre basata sul freddo calcolo di costi-benefici? E io che credevo che la “felicità” traesse forza dallo slancio, l’apertura, l’impeto per cose grandi. A costo di un sacrificio economico, una seconda opportunità, una dedizione nella cura di una cena; peraltro, tutti costi che, per quanto preziosi, non saranno mai all’altezza del valore impagabile di un essere umano. Un valore che gli inglesi minacciano di portarci via, partendo dalla dignità degli anziani. La regina Elisabetta ha ottantasette anni.
Considerato il contesto a cui potrebbe andare incontro Sua Maestà, è davvero il caso di augurare, Lunga vita alla regina…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Anna scrive:

    Come sempre fonti citate e riferimenti puntuali.

  2. Giovanna scrive:

    Si potrebbe fare con gli omosessuali, tanto no fanno figlio e non danno quindi contributo alla società per perpetrarsi.

  3. Ellas scrive:

    Voelte una fonte? Cercate bene, che è pieno. E non solo la GB:

    http://www.west-info.eu/it/west-news/tematiche/anziani/non-autosufficienza/?t=674

    E perchè rovinare l’immagine di queste grandi nazioni con problemi di così poco conto? Anziani, malati mentali e altro fate passare prima il gender!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana