Google+

Se costruire costa, non fare nulla costa ancora di più: 900 miliardi di euro il prezzo delle mancate opere in Italia

dicembre 8, 2013 Redazione

Solo nel biennio 2012-2013 per infrastrutture non realizzate abbiamo perso 82 miliardi. Lo dice uno studio dell’Università Bocconi

Ottantadue miliardi di euro nel solo biennio 2012-2013. A tanto è arrivato il costo del non fare in Italia. Il maggiore esborso per il Paese è dovuto essenzialmente a mancate realizzazioni nei settori dell’energia, dei rifiuti, della viabilità autostradale e ferroviaria, della logistica, del settore idrico e delle telecomunicazioni. Un conto che, da qui al 2027, potrebbe lievitare fino a sfiorare la cifra monstre di 900 miliardi di euro, se il Paese non dovesse intervenire per tempo. Sono i dati contenuti nell’ottava edizione del rapporto annuale dell’Osservatorio “I costi del non fare”, diretto da Andrea Gilardoni docente dell’Università Bocconi di Milano, uno studio che monitora le realizzazioni infrastrutturali prioritarie per lo sviluppo e la competitività del Paese.

IL PAESE È TROPPO INDIETRO. I maggiori costi del non fare, ossia gli oneri effettivamente sostenuti dal Paese a causa dei ritardi attuativi nei settori esaminati dal 2012 al 2027, sono e saranno dovuti soprattutto ai ritardi nel campo delle telecomunicazioni (429 miliardi), specie per quanto riguarda la rete e la banda ultralarga, in quello delle ferrovie (129 miliardi) e in quello delle strade e autostrade (96 miliardi). Seguono, nell’ordine, porti e interporti (73 miliardi), il settore energetico (65 miliardi), dell’efficientamento energetico (46 miliardi) e quello idrico (44 miliardi). Per un totale di 893 miliardi, come riassunto nella tabella qui sotto:

RISPARMIATI (SOLO) 48 MILIARDI. Non è tutto nero, però. Secondo l’Osservatorio, infatti, nel biennio 2012-2013 i benefici dell’aver fatto, e quindi per interventi nei settori di cui sopra, hanno comunque reso il passivo meno pesante di quello che avrebbe potuto essere per circa 48 miliardi di euro. Solo che, l’inerzia del non aver fatto negli anni precedenti ha causato comunque costi per, appunto, 82 miliardi di euro, che la collettività ha già sostenuto. Guardando agli anni a venire, secondo l’Osservatorio, i campi dove soprattutto sono urgenti investimenti tempestivi in infrastrutture, sono quelli delle telecomunicazioni, e della banda ultralarga in primis, dei trasporti e logistica.

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SI AGGIORNI. In un contesto di crisi, prosegue l’Osservatorio, «non sono solo le grandi infrastrutture» ciò di cui c’è bisogno, ma anche «innovazioni tecnologiche e miglior utilizzo di quelle esistenti, protezione e manutenzione». Secondo l’Osservatorio, infatti, per il Paese diventa sempre più «strategico attrarre nuove risorse finanziarie e ottimizzare quelle esistenti». E per questo motivo la pubblica amministrazione dovrà «passare sempre più da “erogatore” a “promotore”, sviluppando competenze qualificate».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana