Google+

Se c’è un atto contrario al buon costume, al giorno d’oggi, è non pagare una prostituta

giugno 26, 2014 Redazione

Sentenza del Tribunale di Roma: riconosciuto a una prostituta nigeriana il diritto a pretendere un pagamento dal cliente per la prestazione sessuale

Il tribunale di Roma ha condannato a quattro mesi una nigeriana per avere inviato minacce via sms a un cliente che si rifiutava di pagarle i 100 euro pattuiti per la prestazione sessuale. La notizia è degna di attenzione perché quella dei giudici della capitale è la tipica sentenza che i giornali si divertono a definire «innovativa» dal momento che «racconta come stia cambiando il costume sociale».

MA QUALE BUON COSTUME. Il reato contestato alla prostituta nigeriana, infatti, è stato trasformato da estorsione in violenza privata. E questo in base alla constatazione che – al netto delle minacce – il pagamento richiesto dalla donna di questi tempi non può essere più considerato un «ingiusto il profitto». Al contrario, secondo i giudici, se è vero che «sino ad oggi» la pretesa della prostituta «non è tutelata dall’ordinamento per una certa interpretazione» del «buon costume», tuttavia è da ritenersi legittima al punto da poter giustificare una causa civile nei confronti del cliente «a fronte dell’omesso pagamento».

«ATTIVITÀ AMPIAMENTE DIFFUSA». Come si spiega questa contraddizione? Semplice: per il collegio giudicante del tribunale di Roma «tra le prestazioni contrarie al buon costume ai sensi dell’art. 2035 codice civile» non può essere «ricompreso l’esercizio della prostituzione» dal momento che si tratta oramai di «attività ampiamente diffusa nella collettività oltre che consentita dall’ordinamento giuridico». Anzi, scrivono i giudici, «se un profilo di contrarietà al buon costume c’è (…) esso riguarda il cliente che approfitta della prestazione sessuale della prostituta».

CONSIDERAZIONI SOCIO-CULTURALI. L’agenzia Ansa riferisce poi che per arrivare a sancire il diritto della donna a pretendere il pagamento, il tribunale ha anche elaborato «una lunga analisi sul fenomeno della prostituzione in Europa e in Italia e sul concetto di buon costume». Arrivando alla conclusione che «il profitto della prostituta è giusto» a maggior ragione perché la nigeriana in questione è «giovanissima, non conosce una parola di italiano e proprio per questo inevitabile vittima di tratta e di sfruttamento» e quindi «non può collocarsi su un piano di parità rispetto al suo cliente italiano, professionalmente inserito, economicamente forte che, si serve in modo arrogante proprio di questa posizione di potere per non pagare i servizi sessuali ricevuti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Nino scrive:

    La prostituzione non è un reato, quindi per la legge italiana è qualcosa che è consentito fare. Prostituirsi vuol dire accettare di compiere atti sessuali con una persona in cambio di un tornaconto (economico o di altro tipo). Non ci vedo niente di strano sul fatto che il giudice abbia detto che avendo fornito una prestazione e concordato un compenso la prostituta lo esigesse (ed infatti quella che è stata condannata è stata la violenza con cui è stato richiesto il mancato pagamento, e non la richiesta in sè.

    L’atto contrario al buon costume (ma non punibile per la legge) è quello dell’uomo adulto e magari benestante che compra il corpo di una donna, ed un altro atto contrario al buon costume è che pattuisca una cifra e poi si rifiuti di rispettare l’impegno

  2. filomema scrive:

    Prostituirsi in strada non è solo triste, ma è soprattutto pericoloso. Quello che va condannato è lo sfruttamento della prostituzione in modo molto severo. Del resto da un punto di vista morale usare il corpo per guadagnarsi da vivere è molto diffuso e non riguarda solo la prostituzione.
    Il concetto di buon costume poi è qualche cosa di molto sfuggente e mutevole che poco ha a che fare con la dignità delle persone ma piuttosto con la morale bigotta.

  3. Giava scrive:

    Finalmente una sentenza che farà tirare un respiro di sollievo a SB ed a tanti suoi estimatori!

    Quale “utilizzatore finale” basterà stare in regola con i “pagamenti” e tutto è a posto!

    Ma ai moralisti di Tempi fanno scandalo una “giovanissima”, che “non conosce una parola di italiano e proprio per questo inevitabile vittima di tratta e di sfruttamento”, ed i giudici che hanno emesso una sentenza che prende atto del mutamento dei costumi. L’importante è farlo in “cene eleganti”, lontano dagli occhi delle famiglie.

    Non una parola sui suoi sfruttatori, per non turbare il padrone.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana