Google+

Se cade Gheddafi, a rischio le missioni di pace in Africa – Rassegna stampa/1

febbraio 24, 2011 Redazione

La Tv al-Arabiya parla di 10 mila morti dall’inizio degli scontri in Libia, eppure non c’è nessuna condanna unanime da parte dell’Africa perché Gheddafi con i petroldollari finanzia molti paesi. Tra questi, il Ciad, la Repubblica centrafricana, il Mali, la Liberia. Soldi anche per le missioni di pace in Darfur e Somalia

Ieri non si sono verificati scontri a Tripoli, capitale della Libia. Dopo i bombardamenti dei giorni scorsi, le forze di sicurezza di Muammar Gheddafi hanno ripreso il controllo della città. Se il bilancio ufficiale del governo di nove giorni di scontri è di 300 morti, ieri anche il minstro degli Esteri Franco Frattini ha detto che «mille morti sono una cifra verosimile», mentre veniva diffuso un filmato, che inquadra numerose fosse scavate dalla gente sulle spiaggia di Tripoli insieme alla notizia della Tv al-Arabiya, per cui i morti sarebbero 10 mila e 50 mila i feriti.

Se, come dice a Tempi Gian Micalessin dalla Libia, «si prevede la caduta di Gheddafi a ore», è a rischio la stabilità dell’intera Africa. “Gheddafi [resta] uno dei principali finanziatori sia dell’Unione Africana (Ua) sia di progetti nei singoli Paesi africani. Grazie ai petrodollari, la Libia ha potuto così affermarsi nel tempo come uno dei punti di riferimento a livello continentale, spendendo la sua influenza dal Maghreb fino al Capo di Buona Speranza” (Avvenire, p. 4).

“Attualmente appena cinque Stati africani (tra i quali appunto la Libia con il 15%), si fanno carico del 75% dei 200 milioni di dollari di budget annuale dell’Ua, lasciando agli altri 48 membri il finanziamento del restante 25%. Diversi governi attualmente al potere nel continente devono a Gheddafi un buon pezzo della loro stabilità, anche se alcuni di essi certo non brillano quanto a garanzie democratiche e rispetto dei diritti umani” (Avvenire, p. 4).

“E’ il caso del presidente del Ciad Idriss Deby, in carica ormai da vent’anni, o dell’uomo forte della Repubblica centrafricana, Francois Bozizé, al potere dal marzo 2003. I soldi e la diplomazia di Gheddafi sono stati utili anche al Mali e […] alla Liberia. […] Ancora, i fondi stanziati dal Colonnello hanno contribuito alla missione di pace Onu-Ua nella regione sudanese del Darfur, così come al dispiegamento di 8 mila caschi verdi africani nella Somalia” (Avvenire, p. 4).

L’influenza politica di Gheddafi è anche dovuta agli investimenti nei singoli paesi, dove ha finanziato progetti relativi a compagnie aeree, operatori telefonici, infrastrutture creando lavoro e sviluppo. Per questo dall’Africa non è ancora giunta una unanime condanna dei mezzi utilizzati dal Colonnello libico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana