Google+

Se anche il Corriere scrive che Sala si deve svegliare

marzo 10, 2016 Redazione

«Se è ragionevole pensare che mister Expo sia ancora l’uomo da battere, ora la partita è decisamente aperta». Oh-oh, che succede?

Se anche il super-filo-Beppe-Sala-sindaco Corriere della Sera inizia a scrivere che al candidato del Pd serve un “cambio di passo”, allora significa che qualche scossa tellurica è stata avvertita anche dentro la cerchia dei bastioni. Diciamo la verità, fino alla discesa in campo di Stefano Parisi, la vittoria di Sala pareva scontata, ma, come lo stesso Corriere ammette, «se è ragionevole pensare che mister Expo sia ancora l’uomo da battere, ora la partita è decisamente aperta».

Oh-oh, che succede? Accade che Sala è costretto a perdersi nei ghirigori in cui alla sinistra piace crogiolarsi. Batte Francesca Balzani nelle primarie, cerca di recuperarla per non scoprirsi su quel fronte e lei si sottrae. Poi iniziano a far circolare la voce della discesa in campo dell’ex pm Gherardo Colombo, che rifiuta. Ora tornano alla carica con i soliti nomi (il giornalista Curzio Maltese, l’architetto Luca Beltrami Gadola e l’avvocato Felice Besostri). Di cosa è segnale tutto ciò? Lo tengono sotto torchio: la sinistra milanese Beppe Sala non lo può vedere.

Come darle torto? È arrivato con la Moratti, ha il profilo di uomo e manager di centrodestra, non dice una-parola-una che possa scaldare i cuori del popolo che va da Emergency a Che Guevara, come potrebbe essere altrimenti? Anche quando gli dicono di pronunciare qualche frase scalda-cuori, suona posticcia, finta, appiccicata.

Quelli del Corriere, che sono svelti, l’hanno capito. E hanno iniziato a tampinare Mr Expo: «deve prendere in mano il pallino», deve «esercitare la sua leadership», è necessario «sporcarsi le mani». Espedienti linguistici che denotano una certa delusione e ansia, anche perché, invece, Parisi ha iniziato bene: ha riunito il centrodestra, sa parlare in pubblico, ha una sua personalità coerente con l’area che vuole rappresentare.

Il non detto che sta sotto il ragionamento, e che però si inizia ad avvertire nel Pd, è che Sala non sia all’altezza del compito che gli è stato assegnato e che le sue “capacità di leadership” siano piuttosto modeste. E questo è un problema che nessun “cambio di passo” potrà modificare.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. angelo says:

    Sala è il prosecutore di un regime. Un regime squallido che fa uso ideologico delle istituzioni.
    Date un’ occhiata alla cosidetta “Casa dei DIritti” inventata da Majorino.
    C’ è lo sportello LGBT, il registro del testamento biologico, e anche lo sportello “tutta la genitorialità possibile”, dove si parla anche di famiglie “same-sex”.

  2. Giovanni says:

    “Lo tengono sotto torchio: la sinistra milanese Beppe Sala non lo può vedere”
    Queste frasi dovrebbero far capire al popolo del centrodestra Milanese che forse Sala e’ la persona giusta per Milano.

  3. Sebastiano says:

    Ma questo Sala è lo stesso che è stato “indagato e prosciolto in istruttoria” senza che nessun giornale abbia pubblicato una mezza virgola, neanche quei giornali che sanno ogni scorreggia dei palazzi di giustizia?
    O è lo stesso che ha vinto l’appalto in perfetta solitudine per la fornitura a Expo di cibarie (giacché in Italia solo loro riuscivano a produrre alimenti)?
    O sono la stessa persona?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download