Google+

Se anche il Corriere scrive che Sala si deve svegliare

marzo 10, 2016 Redazione

«Se è ragionevole pensare che mister Expo sia ancora l’uomo da battere, ora la partita è decisamente aperta». Oh-oh, che succede?

Se anche il super-filo-Beppe-Sala-sindaco Corriere della Sera inizia a scrivere che al candidato del Pd serve un “cambio di passo”, allora significa che qualche scossa tellurica è stata avvertita anche dentro la cerchia dei bastioni. Diciamo la verità, fino alla discesa in campo di Stefano Parisi, la vittoria di Sala pareva scontata, ma, come lo stesso Corriere ammette, «se è ragionevole pensare che mister Expo sia ancora l’uomo da battere, ora la partita è decisamente aperta».

Oh-oh, che succede? Accade che Sala è costretto a perdersi nei ghirigori in cui alla sinistra piace crogiolarsi. Batte Francesca Balzani nelle primarie, cerca di recuperarla per non scoprirsi su quel fronte e lei si sottrae. Poi iniziano a far circolare la voce della discesa in campo dell’ex pm Gherardo Colombo, che rifiuta. Ora tornano alla carica con i soliti nomi (il giornalista Curzio Maltese, l’architetto Luca Beltrami Gadola e l’avvocato Felice Besostri). Di cosa è segnale tutto ciò? Lo tengono sotto torchio: la sinistra milanese Beppe Sala non lo può vedere.

Come darle torto? È arrivato con la Moratti, ha il profilo di uomo e manager di centrodestra, non dice una-parola-una che possa scaldare i cuori del popolo che va da Emergency a Che Guevara, come potrebbe essere altrimenti? Anche quando gli dicono di pronunciare qualche frase scalda-cuori, suona posticcia, finta, appiccicata.

Quelli del Corriere, che sono svelti, l’hanno capito. E hanno iniziato a tampinare Mr Expo: «deve prendere in mano il pallino», deve «esercitare la sua leadership», è necessario «sporcarsi le mani». Espedienti linguistici che denotano una certa delusione e ansia, anche perché, invece, Parisi ha iniziato bene: ha riunito il centrodestra, sa parlare in pubblico, ha una sua personalità coerente con l’area che vuole rappresentare.

Il non detto che sta sotto il ragionamento, e che però si inizia ad avvertire nel Pd, è che Sala non sia all’altezza del compito che gli è stato assegnato e che le sue “capacità di leadership” siano piuttosto modeste. E questo è un problema che nessun “cambio di passo” potrà modificare.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. angelo scrive:

    Sala è il prosecutore di un regime. Un regime squallido che fa uso ideologico delle istituzioni.
    Date un’ occhiata alla cosidetta “Casa dei DIritti” inventata da Majorino.
    C’ è lo sportello LGBT, il registro del testamento biologico, e anche lo sportello “tutta la genitorialità possibile”, dove si parla anche di famiglie “same-sex”.

  2. Giovanni scrive:

    “Lo tengono sotto torchio: la sinistra milanese Beppe Sala non lo può vedere”
    Queste frasi dovrebbero far capire al popolo del centrodestra Milanese che forse Sala e’ la persona giusta per Milano.

  3. Sebastiano scrive:

    Ma questo Sala è lo stesso che è stato “indagato e prosciolto in istruttoria” senza che nessun giornale abbia pubblicato una mezza virgola, neanche quei giornali che sanno ogni scorreggia dei palazzi di giustizia?
    O è lo stesso che ha vinto l’appalto in perfetta solitudine per la fornitura a Expo di cibarie (giacché in Italia solo loro riuscivano a produrre alimenti)?
    O sono la stessa persona?

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dormire sugli allori può rivelarsi – oggi più che mai – un errore imperdonabile, anche per le Case più affermate e per i loro modelli più rappresentativi. Con la concorrenza che affila le armi e la tecnologia che si diffonde a macchia d’olio a tutti i livelli, il rischio che un modello best-seller possa finire […]

L'articolo Prova Suzuki V-Strom 650 XT 2017 proviene da RED Live.

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana