Google+

Scuola, Profumo: «Diamo un segnale ai giovani e a chi è in graduatoria»

dicembre 25, 2011 Chiara Sirianni

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha annunciato un concorso per assumere 12 mila docenti nella scuola pubblica. Ma non si dimentica dei 30 mila neo-laureati che aspettano l’avvio del Tfa abilitante: «Bisogna portare a regime ciò che è stato varato e poi, magari, migliorarlo»

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha annunciato che sarà finalmente indetto un pubblico concorso per assumere circa 12 mila docenti: una notizia che per alcuni commentatori rappresenta un primo passo verso la revisione della riforma Gelmini. Nelle graduatorie ad esaurimento (Gae) sono inseriti oltre 240.000 candidati e sono 30.000 quelli che hanno ottenuto l’abilitazione con le Ssis (Scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario). A tremare, davanti all’annuncio del concorso, sono stati più che altro i 30.000 neo-laureati che sono pronti a iniziare i tirocini formativi attivi (Tfa) abilitanti disposti dall’ex ministro Gelmini. Anche perché le cattedre libere nella scuola pubblica, dopo l’innalzamento dell’età pensionabile, non saranno più di 25.000 l’anno.

Alle telecamere di Repubblica Tv il ministro ha chiarito molti dubbi, partendo dal tema che ha scatenato più attese e perplessità: «Da una parte ci sono le graduatorie con più di 200 mila persone, dall’altra il segnale da dare ai giovani: se vanno in graduatoria restano sempre in coda. Penso a due canali, una scatola più grande e una più piccola (graduatorie e concorso, ndr)». Sono state chiarite anche le coordinate temporali: «Una volta che avremo capito con esattezza quanti saranno i posti in turn over, potremo dividerli in percentuale sull’una e sull’altra. E forse troveremo il modo di dare una risposta sia alle persone che sono in graduatoria sia ai più giovani. I dettagli li conoscerò anch’io dopo il 10 e 11 gennaio, quando andrò alle commissioni Cultura di Camera e Senato».

Infine un commento sull’operato del precedessore, Mariastella Gelmini: «Ha avviato una serie di riforme che possono essere migliorate, ma il transitorio sul transitorio non funziona. Bisogna portare a regime ciò che è stato varato e poi, magari, migliorarlo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.