Google+

Letta stanzia 400 milioni di euro per la scuola, ma per le paritarie non c’è neanche un centesimo

settembre 22, 2013 Laura Borselli

Per la prima volta da anni vengono sbloccati fondi per l’istruzione, ma solo per misure tampone e ignorando gli istituti non statali

Bisogna ringraziare, dicono, di quei quasi 400 milioni di euro che dopo anni di tagli il governo Letta ha stanziato per la scuola italiana. Qualcuno ha persino tentato di filosofeggiare sul fatto che tassare i vizi (pare che i soldi arriveranno anche dalle accise sugli alcolici) serva a finanziare le virtù. Fuor di interpretazioni parabigotte, il decreto appare come il tentativo di mettere mano ad alcune emergenze, «tamponando delle aree di rischio». Il giudizio sintetico che ne dà Fabrizio Foschi, presidente dell’associazione di insegnanti Diesse coglie diverse criticità contenute nei dettagli del provvedimento.

Premesso infatti che qualcosa come 397,8 milioni di euro tra il 2013 e il 2015 non sono pochi, i capitoli di spesa scelti sono significativi per capire che idea di scuola ha il governo delle larghe intese. Le principali aree di intervento sono infatti l’assunzione di nuovo personale; il cosiddetto welfare scolastico (dalle facilitazioni per studenti meno abbienti alle borse di studio) e la formazione del personale. Non c’è traccia, invece, delle paritarie. L’articolo che conteneva diverse misure riguardanti questo tipo di scuole (dall’esenzione Imu al divieto di classi sotto gli 8 alunni) è stato completamente stralciato.

«Non solo – commenta il presidente della Federazione Opere Educative della Compagnia delle Opere Marco Masi – anche tutte le misure riguardanti il diritto allo studio sono limitate alle scuole statali, ignorando che la legge 62/2000 il sistema italiano è costituito da scuole statali e non statali paritari». «Eppure – nota Foschi – non molto tempo fa il ministro Carrozza aveva detto che le scuole paritarie danno più di quanto ricevono».

Il capitolo dell’avvicinamento della scuola al mondo del lavoro viene affrontato prevedendo le attività di orientamento a partire dal quarto anno delle superiori. Al tema vengono destinati oltre 6 milioni e mezzo di euro, con la possibilità di coinvolgere le Camere di commercio e le Agenzie per il lavoro. Basterà a colmare il gap che ci separa dalla Germania, dove il 22 per cento degli studenti vanta un’esperienza lavorativa mentre da noi può farlo solo meno del 4 per cento dei ragazzi? Difficile.

Anche perché non c’è traccia del potenziamento degli Its e dei poli tecnico-professionali e risulta difficile accontentarsi di misure come l’introduzione della geografia generale ed economica nei tecnici e professionali. Gli interventi più di “emergenza” sono quelli contro la dispersione scolastica (15 milioni) e in questo contesto si può leggere anche la possibilità di tenere aperte le scuole il pomeriggio. Sulla stessa linea i fondi stanziati per i libri di testo e la possibilità di sostituirli con edizioni vecchie o integrarli con materiale come le fotocopie. 15 milioni sono destinati alla connettività wireless nelle scuole di secondo grado e 8 milioni tablet ed ebook da dare in comodato d’uso agli alunni.

Il decreto non dimentica l’aggiornamento dei docenti, che però si limita all’accesso gratuito nei musei per i docenti di ruolo e in attività demandate alle università. Dettaglio, questo, che fa storcere il naso ad associazioni come la già citata Diesse, dove l’aggiornamento degli insegnanti è curato dagli insegnanti stessi, in un’ottica sussidiaria. È quello che accadrà il 12-13 ottobre a Bologna, quando si svolgerà la convention annuale dell’associazione con un momento di lavoro organizzato insieme alla Foe e all’Associazione Rischio Educativo e le tradizionali “Botteghe dell’Insegnare”.

Svuotare le graduatorie
L’altra novità è quella delle assunzioni. Si apriranno le porte per 69 mila tra personale Ata e docenti, di questi 26 mila nel sostegno per rispondere alla domanda di circa 52 mila alunni in difficoltà. Un provvedimento in linea con l’intenzione del ministero di svuotare le graduatorie. «Però di nuovi concorsi – riprende Foschi – non si è parlato e neppure di mettere in piedi nuovi Tfa». Assente anche il capitolo della valutazione dei docenti che apra la strada a scatti di carriera legati al merito. «Con queste misure – conclude Foschi – si agisce sulla scuola come soggetto sociale che deve rispondere al disagio, che è un tipo di scuola, ma non è l’unica. Si oblitera invece la scuola che lavora per l’innalzamento della qualità e per il trasferimento delle conoscenze».

Un giudizio severo, ma mai duro quanto quello di Fabrizio Forquet sul Sole24Ore che ha parlato dell’ennesima occasione persa: «Forse è ingeneroso chiedere a un provvedimento preparato in tempi brevi di risolvere gli annosi problema della scuola italiana. Ma anche questa volta, come era avvenuto con l’Imu sul fronte del Pdl, l’esigenza dei partiti (e in questo caso è il Pd il protagonista) di rassicurare la propria base elettorale sembra prevalere sulle priorità vere». La sensazione è di arrivare in fondo alla lista di pur encomiabili spese con una domanda inevasa: per chi è la scuola?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Nicola scrive:

    Signor Tossani
    lei giustamente dice,dove è la notizia quelle non sono scuole “private” ma pubbliche, perchè Paritarie grazie a una legge di un governo di sinistra .
    I nostri amici politici in questi anni non hanno fatto nulla per migliorare questa legge pur avendo avuto una maggioranza bulgara. Un esempio che le voglio fare è questo: uno studente con disabilità e con problemi finanziari,non può scegliere di andare in una secondaria di primo grado (scuola dell’obbligo) pur essendo paritaria quindi pubblica, perchè la famiglia deve pagarsi completamente il professore di sotegno.
    Mi spiegate cosa c’è di paritario in tutto questo e cosa sono a fare in parlamento i nostri amici politici se non per difendere la libertà e il bene comune.
    L’unica nazione in cui c’è libertà di scelta e parità è la Svezia dove lo stato ti permette di scegliere in quale scuola mandare i figli con il sistema dei voucher.
    In Italia invece dove nelle scuole paritarie uno studente costa la metà rispetto a quello che costa allo stato, quindi un risparmio questo non avviene perchè come dice lei giustamente si ha paura di toccare la burocrazia della scuola di stato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana