Google+

Schwazer, le lacrime di un uomo in marcia «affacciato sull’abisso»

agosto 9, 2012 Mario Leone

L’altoatesino è stato escluso dai Giochi dopo essere stato trovato positivo all’Epo. Ma dietro quell’errore c’è un desiderio più grande di qualsiasi sogno olimpico.

È triste constatare come nel nostro Paese ci sia una puntuale corsa al moralismo e un becero quanto improbabile pietismo di fronte alla persona che sperimenta, sotto gli occhi di tutti, la propria debolezza e il proprio limite. L’ultimo e disgustoso teatrino si era dipanato mentre la Costa Concordia veniva inghiottita dalle acque del Giglio, facendo emergere il colpevole dei mali di quel mondo tutto lustrini, apparenze e effetti speciali quale quello delle crociere: il comandante Schettino, definito dall’opinione pubblica e da molta stampa, “piccolo uomo” e un codardo.

Ora è il turno del corridore altoatesino Alex Schwazer, trovato positivo all’Epo proprio alla vigilia di quella gara, la 50 km di marcia, che l’aveva visto vincitore a Pechino 2008, osannato dai vertici dell’atletica italiana e da quel pubblico che generalmente si ricorda di questi sport e dei loro interpreti una volta ogni quattro anni. Quasi tutti concordano nell’indicare questo corridore ventottenne come il simbolo di quello che non si deve essere nello sport e ancor più nella vita. Un infingardo traditore che per fortuna è stato stanato e neutralizzato. Per usare le parole di Petrucci: «Medaglie in meno (= un uomo in meno), pulizia in più».

Sia ben chiaro tutti concordano che, in qualsiasi gara, le regole vadano rispettate e in un’Olimpiade ancora di più. Tutti concordano sulla sanzione decisa che dev’essere inflitta a chi commette un’irregolarità; ma di qui a innalzarsi a moralizzatori e uomini senza macchia, sgomenti, sorpresi e indignati dal limite di un altro uomo, mi sembra urticante.

Nel Mestiere di vivere Cesare Pavese dice: «Ciò che un uomo cerca nei piaceri è un infinito, e nessuno rinuncerebbe mai alla speranza di conseguire questa infinità»Mi sembra tutta qui descritta la dinamica del cuore dell’uomo di tutti i tempi, Schwazer compreso. Quel desiderio di medaglia, di migliorarsi e di riconfermarsi agli occhi di un mondo che non accetta cadute, il piacere di vedere il tricolore sventolare più in alto accompagnato dalle note dell’inno di Mameli, non sono altro che il segno del desiderio di infinito e dell’infinito desiderio (passatemi il gioco di parole) che costituisce il cuore dell’uomo. C’è gente come Aldo Cazzullo che ritiene un’Olimpiade luogo privilegiato dove poter «esplorare i nostri limiti, misurarli, assumerli come parte di noi», scoprendo che viviamo tutti «affacciati sull’abisso». Personalmente l’esperienza del mio limite e di quello altrui io la faccio tutti i giorni in particolare al mattino, momento nel quale mi rendo conto (in maniera più evidente) che i miei occhi si riaprono non grazie a una mia capacità.

In un mondo dove tutti soffrono di ansia da prestazione (non solo gli atleti alle Olimpiadi), dove il senso del proprio limite e del limite delle cose schiaccia sempre più gente che ormai ha perso il concetto più vero e profondo di speranza, mi sovvengono le parole di Charles Péguy ne Il portico del mistero della seconda virtù, che diventano l’augurio che ogni giorno faccio a me stesso e che sento di rivolgere ad Alex Schwazer: «Per sperare, bimba mia, bisogna essere molto felici, bisogna aver ottenuto, ricevuto una grande grazia».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Livia Costanzi scrive:

    Voto 10 !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana