Google+

Schwazer, le lacrime di un uomo in marcia «affacciato sull’abisso»

agosto 9, 2012 Mario Leone

L’altoatesino è stato escluso dai Giochi dopo essere stato trovato positivo all’Epo. Ma dietro quell’errore c’è un desiderio più grande di qualsiasi sogno olimpico.

È triste constatare come nel nostro Paese ci sia una puntuale corsa al moralismo e un becero quanto improbabile pietismo di fronte alla persona che sperimenta, sotto gli occhi di tutti, la propria debolezza e il proprio limite. L’ultimo e disgustoso teatrino si era dipanato mentre la Costa Concordia veniva inghiottita dalle acque del Giglio, facendo emergere il colpevole dei mali di quel mondo tutto lustrini, apparenze e effetti speciali quale quello delle crociere: il comandante Schettino, definito dall’opinione pubblica e da molta stampa, “piccolo uomo” e un codardo.

Ora è il turno del corridore altoatesino Alex Schwazer, trovato positivo all’Epo proprio alla vigilia di quella gara, la 50 km di marcia, che l’aveva visto vincitore a Pechino 2008, osannato dai vertici dell’atletica italiana e da quel pubblico che generalmente si ricorda di questi sport e dei loro interpreti una volta ogni quattro anni. Quasi tutti concordano nell’indicare questo corridore ventottenne come il simbolo di quello che non si deve essere nello sport e ancor più nella vita. Un infingardo traditore che per fortuna è stato stanato e neutralizzato. Per usare le parole di Petrucci: «Medaglie in meno (= un uomo in meno), pulizia in più».

Sia ben chiaro tutti concordano che, in qualsiasi gara, le regole vadano rispettate e in un’Olimpiade ancora di più. Tutti concordano sulla sanzione decisa che dev’essere inflitta a chi commette un’irregolarità; ma di qui a innalzarsi a moralizzatori e uomini senza macchia, sgomenti, sorpresi e indignati dal limite di un altro uomo, mi sembra urticante.

Nel Mestiere di vivere Cesare Pavese dice: «Ciò che un uomo cerca nei piaceri è un infinito, e nessuno rinuncerebbe mai alla speranza di conseguire questa infinità»Mi sembra tutta qui descritta la dinamica del cuore dell’uomo di tutti i tempi, Schwazer compreso. Quel desiderio di medaglia, di migliorarsi e di riconfermarsi agli occhi di un mondo che non accetta cadute, il piacere di vedere il tricolore sventolare più in alto accompagnato dalle note dell’inno di Mameli, non sono altro che il segno del desiderio di infinito e dell’infinito desiderio (passatemi il gioco di parole) che costituisce il cuore dell’uomo. C’è gente come Aldo Cazzullo che ritiene un’Olimpiade luogo privilegiato dove poter «esplorare i nostri limiti, misurarli, assumerli come parte di noi», scoprendo che viviamo tutti «affacciati sull’abisso». Personalmente l’esperienza del mio limite e di quello altrui io la faccio tutti i giorni in particolare al mattino, momento nel quale mi rendo conto (in maniera più evidente) che i miei occhi si riaprono non grazie a una mia capacità.

In un mondo dove tutti soffrono di ansia da prestazione (non solo gli atleti alle Olimpiadi), dove il senso del proprio limite e del limite delle cose schiaccia sempre più gente che ormai ha perso il concetto più vero e profondo di speranza, mi sovvengono le parole di Charles Péguy ne Il portico del mistero della seconda virtù, che diventano l’augurio che ogni giorno faccio a me stesso e che sento di rivolgere ad Alex Schwazer: «Per sperare, bimba mia, bisogna essere molto felici, bisogna aver ottenuto, ricevuto una grande grazia».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Livia Costanzi says:

    Voto 10 !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.