Google+

Schettino torna a bordo della Concordia: «Sono sotto processo, per difendermi ci metto la faccia»

febbraio 27, 2014 Chiara Rizzo

Botta e risposta tra i cronisti e l’ex comandante risalito sulla nave per la prima volta dal naufragio del 2012, per partecipare ad una perizia: «Prima di dire che sono colpevole, aspettate l’esito delle perizie»

Un piccolo show è andato in onda sulla banchina dell’isola del Giglio davanti alla quale ha ormeggiato, intorno alle 14.10, la barca che ha portato l’ex comandante Francesco Schettino a bordo della Costa Concordia, per assistere ad una nuova perizia ordinata dal Tribunale di Grosseto. Schettino è stato a bordo insieme ai periti per circa tre ore, durante un’ispezione accurata del generatore d’emergenza, per verificare se questo si fosse guastato subito prima o dopo lo schianto: è la prima volta che l’ex comandante risaliva sulla sua nave, dopo l’incidente in cui hanno perso la vita 32 persone.

«CI METTO LA FACCIA». Sia prima di salire, che dopo Schettino è stato circondato e quasi preso d’assedio dai cronisti. Rientrando al Giglio dopo l’ispezione, il comandante imputato per il tragico naufragio ha spiegato: «Ho dato il mio contributo tecnico di comandante ai miei consulenti tecnici che serviranno per l’esito finale delle perizie, sulla base delle quali, si individueranno le responsabilità. Io ci sto mettendo la faccia. Non posso dare nessuna spiegazione tecnica, per questo esiste un collegio peritale», ma – ha aggiunto – «Sono qui per assistere i miei consulenti impegnati negli accertamenti necessari a comprendere le cause e le dinamiche del mancato funzionamento di alcune apparecchiature». Secondo l’accusa, come oggi ha spiegato il procuratore capo di Grosseto «Nessuno dei 32 morti della Costa Concordia è deceduto perché il generatore diesel di emergenza non funzionò la sera del naufragio». Esattamente opposta invece la tesi della difesa di Schettino, ecco perché l’ex comandante ha dato importanza alla perizia a bordo di oggi. Schettino ha stroncato le domande di chi voleva sapere cosa avesse provato di nuovo a bordo: «Le sensazioni personali non credo possano essere oggetto di investigazione giornalistica. O si fa gossip oppure vi interessa avere dei riscontri tecnici». Poi ha aggiunto con tono molto brusco: «O si sente, o si ascolta o si capisce. Se avete seguito il processo dovete avere chiara la differenza tra cosa è un inchino e un passaggio ravvicinato alla costa».

«CHI PARLA DI ABBANDONO…». Poi un giornalista ha insistito nel ripetergli una domanda alla quale Schettino inizialmente non ha risposto: «Perché ha abbandonato la nave?». Il comandante ha iniziato a perdere le staffe e ha replicato con tono molto secco: «C’è già chi ha patteggiato, ammettendo colpe. Io ci metto la faccia. E sto facendo il processo. È chiaro? prima di dire “il colpevole”e “il responsabile”. Le perizie determineranno le varie responsabilità e le relative suddivisioni di responsabilità». Davanti all’insistenza di altri cronisti, e dopo che un passante lo aveva apostrofato con un «Affogati!», Schettino alla fine ha detto: «Chi parla di ordine di abbandono della nave non ha capito un caz…Voi giornalisti dovreste documentarvi meglio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana