Google+

Se Schettino è un «idiota» che non merita pietà, perché perdiamo tempo a processarlo? Condanniamolo e basta

gennaio 27, 2015 Emanuele Boffi

In base a quale autorità e legge i magistrati si permettono certi giudizi? Insultare l’imputato, tirare in ballo Dio, prefigurare un perdono impossibile, che c’entra?

«Che Dio abbia pietà di lui perché noi, di certo, non possiamo averne alcuna». Ha detto così ieri nell’aula di tribunale il pm responsabile della requisitoria contro il comandante Francesco Schettino, per il quale sono stati chiesti ventisei anni di carcere per il naufragio della Costa Concordia all’Isola del Giglio il 13 gennaio 2012 in cui persero la vita 32 persone. Si può non avere alcuna simpatia per il capitano, si può pensare che egli si meriti una simile pena (anche se i suoi legali si sono lamentati perché è stato trattato «come Pacciani»), si può, insomma, pensarla un po’ come si vuole, ma non può non suonare esagerata, incongrua e vergognosa una requisitoria che arrivi a definire l’imputato un «incauto idiota». Di grazia, ma come può un magistrato esprimersi in questo modo? Ha egli il compito di verificare la dinamica dei fatti, cercare prove a sostegno della colpevolezza (e, ricordiamocelo, pure dell’innocenza) dell’imputato oppure quello di esprimere giudizi morali su di lui?

ANNULLAMENTO DEL REO. Scrive giustamente oggi Il Foglio che è sbalorditivo come in «un’aula di tribunale, prima ancora di una sentenza di condanna, ci si possa lasciare andare a commenti buoni forse per una pièce teatrale, per uno sceneggiato televisivo, a favor di telecamera». Anche Goffredo Buccini sul Corriere della Sera è rimasto allibito dai commenti del procuratore di Grosseto che segnalano un «quid pluris, quel qualcosa in più e di non dovuto, che i pm toscani hanno sentito il bisogno di dire contro l’imputato». Dargli dell’«idiota», tirare in ballo Dio, la pietà che non può essere concessa al mostro, che c’entra? «Un siffatto apparato dialettico – scrive Buccini – sembra travalicare alquanto l’obiettivo della condanna, e dunque della giusta rivalsa dello Stato sul reo, prefigurando l’annullamento del reo medesimo, un’umiliazione giuridica».

ODIO SENZA PARI. D’altronde la vicenda, sin dal principio, è stata raccontata con un carico di emotività eccessivo. Comprensibile, vista la dinamica dei fatti e la terribile morte di tante persone. Ma il tutto è avvenuto anche all’insegna di un certo manicheismo intellettuale che ha portato a riversare sulla sgangherata figura di Schettino un odio senza pari (lo notammo già allora, grazie al prezioso contributo dello psichiatra Eugenio Borgna). Che tutto ciò – dopo la mitizzazione del capitano De Falco, i cartoni taiwanesi sul comandante codardo, le magliette con la scritta «torni a bordo, cazzo» – entri nella requisitoria di un pm, che si fa voce impropria della catarsi collettiva sulla pelle del reo, è assurdo.
Anche il capitano Schettino ha diritto a un giusto processo. Siamo o no uno stato di diritto, che valuta le colpe e commina pene a prescindere dalla caratura morale degli imputati, ma basandosi sui fatti accertati? Perché delle due, l’una: o si dimostra, all’interno di un processo, che il capitano è responsabile a causa dei suoi atti della tragica morte di trentadue persone; oppure tanto vale, una volta deciso in base al senso comune che è un «idiota», un pavido, un uomo immeritevole di perdono, mandarlo in galera per trent’anni senza nemmeno la necessità di concedergli una difesa e un regolare processo. In alcuni paesi si fa così. Si spera non in Italia, non ancora.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Vanni scrive:

    Giuste le osservazioni dell’articolista. C’ è mancato poco che il pm terminasse la requisitoria con un perentorio “caxxo!”.

  2. Cisco scrive:

    Sembra più una requisitoria in stile statunitense, moralistica e teocratica. Per capire che Schettino e’ un “incauto idiota” non c’era bisogno della sceneggiata di un pm altrettanto idiota: quello che invece sconcerta e’ la mancanza di pietà per gli idioti di ogni ordine e grado.

  3. Saint-Juste scrive:

    Se il giornalista avesse qualcuno tra le vittime di quel naufragio, non parlerebbe cosi. E’ facile fare i misericordiosi quando non hai niente da pedere.

    • To_Ni scrive:

      In un tribunale si applica la legge, non si scagliano anatemi. Certre uscite spettacolari servono più per avere un quarto d’ora di notorietà.

    • Q.B. scrive:

      Se il pm avesse avuto alcuni parenti tra le vittime gli sarebbe stata giustamente sottratta la competenza per incompatibilità; lo stato non può permettersi emotività nell’applicare la legge.

      Nello stato di diritto non è prevista la vendetta, cioè “l’esercizio arbitrario delle proprie ragioni”; la giustizia è delegata allo stato allo scopo di perseguire principi i meta-giuridici di imparzialità, giustizia, ecc.. Che colpevolmente non ci riesca è altro discorso, che l’articolo vuole sottolineare.

      E’ quasi imbarazzante dover spiegare ovvietà del genere, ma i commenti alla sain.juste (la cui logica vediamo riflessa nei commenti dei nostri fratelli ateo-troll) sono ugualmente interessantissimi perché paradigma visibile di una fondamentale ignoranza di metodo e di merito.

      In una società appiattita e incapace di elaborare pensieri più complessi di quelli veicolati da una telenovela pomeridiana, è il sentimentalismo ad essere eletto criterio guida della società: il dolore delle vittime dovrebbe ispirare l’azione giudiziaria, l’ammmore dovrebbe fondare l’istituto matrimoniale, la paura dovrebbe giustificare il “suicidio”, l’egoismo legittimare l’uccisione di un bambino.

      Questa ignoranza è l’humus sul quale i totalitarismi fioriscono.

    • Q.B. scrive:

      E’ quasi imbarazzante dover spiegare ovvietà del genere, ma i commenti alla sain.juste (la cui logica vediamo riflessa nei commenti dei nostri fratelli ateo-troll) sono ugualmente interessantissimi perché paradigma visibile di una fondamentale ignoranza di metodo e di merito.

      In una società appiattita e incapace di elaborare pensieri più complessi di quelli veicolati da una telenovela pomeridiana, è il sentimentalismo ad essere eletto criterio guida della società: il dolore delle vittime dovrebbe ispirare l’azione giudiziaria, l’ammmore dovrebbe fondare l’istituto matrimoniale, la paura dovrebbe giustificare il “suicidio”, l’egoismo legittimare l’uccisione di un bambino.

      Questa ignoranza è l’humus sul quale i totalitarismi fioriscono.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana