Google+

Scandalo Expo. Che sollievo poter tornare a parlare male di Cl anziché dover ficcare il naso in procura a Milano

maggio 18, 2014 Rachele Schirle

Altro che torte, cupole e accuse (inesistenti) a Lupi. Se le accuse di Robledo a Bruti Liberati fossero vere, Formigoni sarebbe stato messo alla sbarra in modo palesemente anomalo. I giornali lo avranno capito?

Finalmente siamo tornati alle cupole, alle torte, al malaffare in Lombardia. Serviva qualcosa, visto che all’inizio del processo contro Formigoni è scoppiata una grana tutta interna alla magistratura inquirente milanese, a causa della quale gli attuali accusatori dell’ex presidente sono accusati dal pm Robledo di aver tenuto nascosti i reati corruttivi per non essere esautorati dall’accusa. Se fosse vero – e le tipologie di reato contestate sembrano dare ragione a Robledo – sarebbe un colpo non da poco al pool del viceprocuratore Greco, che avrebbe portato Formigoni alla sbarra in modo palesemente anomalo. Un processo appena partito e gravemente sospettato di essere viziato dal “volere a tutti i costi” rimanere nelle mani di alcuni, e solo alcuni, magistrati.

Finalmente il vecchio Primo Greganti e il vecchio Gianstefano Frigerio permettono alla stampa smarrita di tornare di nuovo riempire paginoni sul malaffare lombardo, sulle torte e le cupole. C’è però un problema: per ora, fra gli indagati (20) e gli arrestati (7) non ci sono ciellini. Anzi la questione è ancora più grave: il principale accusato, Frigerio, dice al telefono, intercettato, che in base ai suoi contatti politici, giudiziari ed ecclesiastici ha maturato l’idea che non era il Formigoni che volevano far fuori, ma Cielle in quanto tale. E, badate bene, che sono ancora all’opera per questo. Tant’è che ha preso piede la teoria “appartenenza=reato” e mettono le ricevute del fondo comune della fraternità e i volantoni di Natale e Pasqua nei fascicoli di reato.

Il Fatto quotidiano è da giorni che spara contro il ministro Maurizio Lupi perché ciellino e intervista chiunque ne chieda le dimissioni. La Repubblica è andata direttamente a chiedergliele, e così – qui siamo alla comica – Cl e Lupi si devono difendere da accuse che nessuno fa, tranne i giornali.

Ma riuscirà il Consiglio superiore della magistratura far piazza pulita nella procura di Milano delle gravi irregolarità o i giornali riusciranno a coprire tutto con le cupole e le torte?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Andrea (uno dei tanti) says:

    A sparare non è solo Il Fatto Quotidiano, c’è pure Il Giornale con articoli e per bocca di Tramontano (vicedirettore) che in televisione ha tirato in ballo CL per la gestione appalti EXPO.

  2. leo aletti says:

    La compagnia delle opere deve essere chiara, i soldi e i voti si prendono e si usano come fanno tutti. Il più intelligente mi pare Berlusconi per cui voterò LARA COMI di Forza Italia vi invito tutti a fare altrettanto.

    • giovanni says:

      Berlusconi l’ho sempre votato, ormai l’uomo ha fatto il suo tempo ed è meglio che abbandoni la politica. Non lo voterò, anche perchè è condizionato da personaggi come la brambilla, bondi, ecc.

    • filomena says:

      Non ho mai votato Berlusconi e non comincerò ora, stai sereno.
      Tra l’altro deve proprio essere ridotto male se fa campagna elettorale attraverso i post di Tempi.
      A differenza degli anni passati dove si vedeva la sua faccia sui maxischermi in ogni piazza, sabato on una piazza importante della mia città ho visto due ragazzi vicino a un banchetto con la bandiera di FI che distribuivano volantini vicino ai soliti gazebo degli altri partiti.
      Game over

  3. giovanni says:

    Pochi commenti sull’articolo. Argomento poco interessante per i ciellini? Oppure, considerato i personaggi, è opportuno non commentare?

    • Fran'cesco says:

      Gli articoli con piu’ commenti sono quelli con piu’ interventi dall’esterno (tra cui i troll).
      Se dall’esterno non arrivano commenti (perche’ l’articolo parla chiaro, e a quanto ne so dice la verita’)…

    • giorgio says:

      Pochi commenti forse perché noi ciellini siamo d’accordo con l’articolo e quindi ci limitiamo a “re-tweettarlo” o a metterlo in “Like”…dobbiamo metterci a sbrodolare contro la procura di Milano, il Fatto, Repubblica e Gad Lerner e fare avanti e indietro come gli orsetti del tiro a segno per farvi contenti?…che palle!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.