Google+

Sarkozy perderà perché la destra non si turerà il naso

maggio 3, 2012 Rodolfo Casadei

Presidenziali Francia. È lo sfidante ad avere più probabilità di vincere. A Marine Le Pen conviene che l’inquilino dell’Eliseo non sia riconfermato.

Il risultato finale più probabile nella corsa all’Eliseo è un 54 a 46 (per cento) a favore di François Hollande. Sulla carta Nicolas Sarkozy non sembrerebbe messo tanto male: i risultati del primo turno dicono che il 54 per cento dei francesi si colloca politicamente a destra o al centro, e solo il 45 per cento a sinistra. Ma il problema del presidente in carica è che i voti della destra e del centro non sono politicamente sommabili: i neogollisti partecipano all’azione d’isolamento (“cordon sanitaire”) del Fronte nazionale da quando esso è stato creato nel 1972, e anche nell’occasione del ballottaggio Sarkozy si rivolge agli elettori dell’estrema destra e si mostra vicino alle loro convinzioni, ma si astiene dall’offrire a Marine Le Pen un accordo politico. Quest’ultima ha interesse a vedere perdere il presidente uscente per meglio contendergli l’egemonia della destra, ovvero per costringere il centrodestra francese ad accordi strategici col Fronte nazionale se non vuole perdere altro terreno. Per questo motivo non inviterà i suoi elettori a votare Sarkozy al ballottaggio. Alcuni di essi lo faranno comunque, ma in percentuale molto inferiore agli elettori della sinistra radicale che voteranno Hollande turandosi il naso. Mentre l’elettorato centrista di François Bayrou (9,1 per cento) si dividerà in parti uguali fra i due sfidanti del ballottaggio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    proposta folle e forse utopica.
    non sarebbe possibile organizzare dei dibattiti bilaterali front-national/ump e front-national/psf così che le questioni poste dagli elettori di le pen trovino il riconoscimento da parte degli altri partiti che quando non sono in campagna elettorale liquidano tutto come populismo dannoso?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download