Google+

Sardegna, spoglio a rilento. Centrosinistra in vantaggio di 6 punti

febbraio 17, 2014 Chiara Rizzo

Da stamattina, sono state scrutinate solo il 27 per cento delle sezioni. Al momento Pigliaru (centrosinistra) è al 44,6, davanti al governatore uscente Cappellacci al 38 per cento

Procede molto a rilento lo spoglio elettorale in Sardegna per l’elezione del nuovo presidente della Regione. Da questa mattina alle 7 fino alle 14 sono state scrutinate solo il 27 per cento delle sezioni, e per il momento il candidato del centrosinistra Francesco Pigliaru, con il 44,6 per cento sembra in lievissimo vantaggio, appena di 6 punti, rispetto al presidente uscente Ugo Cappellacci (centrodestra) al 38,1 per cento. Ma evidentemente, con sole 485 sezioni scrutinate su 1836, tutto può cambiare nelle prossime ore: intanto la candidata “outsider”, la scrittrice Michela Murgia (Sardegna possibile) è al 10,5 per cento.

PRIMI RISULTATI DA CAGLIARI E SASSARI. Sono già infuriate le polemiche sul web, da parte degli elettori sardi arrabbiati per la lentezza dello spoglio. Le elezioni sono durate solo un giorno, ieri, e sono state caratterizzate da una bassa partecipazione, ai seggi si è presentato solo il 52 per cento degli elettori, quindi un sardo su due è rimasto a casa. Stamattina alle 7 però, anziché iniziare lo spoglio i componenti dei seggi hanno dovuto verificare il numero dei votanti. Tra i primi risultati giunti ci sono quelli sulle principali città. Nel capoluogo, Cagliari (con 7 sezioni scrutinate su 145), è in vantaggio Cappellacci dato al 42,2 per cento su Pigliaru, al 40 per cento. Tra i “piccoli” spicca la Murgia al 11,2 per cento, poi Mauro Pili (Popolo Sardo) al 5 per cento e gli altri candidati (Pier Franco Devias del Fronte Indipendentista Unidu e Gigi Sanna del Movimento Zona franca) sotto l’1 per cento. A Sassari (18 sezioni su 137) la situazione per il momento è capovolta ed è avanti il centrosinistra con il 57,6 per cento mentre il centrodestra è al 27,7 per cento. La Murgia qui è al 8,9 per cento e Pili ancora intorno al 5 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. filomena scrive:

    Carissima Chiara Rizzo,
    si rassegni, ora nulla può cambiare. Capellacci ha preso una tranvata: i sardi lo hanno rispedito a casetta sua.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana