Google+

Sanità. Tagliare spesa pubblica e tempi di attesa si può. Anche grazie a una app

giugno 24, 2015 Redazione

Il 25 e 26 giugno all'”expo” milanese dei sistemi sanitari un grande confronto Italia-estero su spending review, modelli di governance e innovazione

appfacile_app_storeSecondo l’Aifa, l’Agenzia italiana di vigilanza sul farmaco, la spesa farmaceutica italiana nel 2014 è stata di oltre 7 miliardi di euro. Una cifra enorme, che impone l’urgenza di una razionalizzazione, possibilmente evitando tagli che ricadano sul cittadino. Proprio mentre l’attenzione mondiale si concentra a Milano sui temi di Expo, il nutrimento del pianeta e l’equa distribuzione delle risorse, anche il mondo della sanità europea sceglie il capoluogo lombardo per riflettere su una più efficiente sostenibilità economica. “Modelli sanitari europei a confronto tra innovazione tecnologica, farmacologica e organizzativa” è il titolo della “mini expo” organizzata per il 25 e 26 giugno dall’associazione Motore Sanità a Palazzo Pirelli, durante la quale, per la prima volta, medici, aziende ospedaliere e Asl di tutta Italia si confronteranno fra loro e con i rappresentanti dei sistemi sanitari di Germania, Olanda, Francia, Portogallo, Svezia, Croazia e Romania (ingresso gratuito e aperto al pubblico con accredito obbligatorio, fino ad esaurimento posti).

TAGLIARE SENZA TOGLIERE? Il tema della sostenibilità della spesa sanitaria tocca direttamente il cittadino, anzitutto per il livello di efficienza che può offrire all’intero sistema nazionale. Una razionalizzazione delle uscite, infatti, non implica per forza eliminare dei servizi, ma al contrario può significare renderli migliori evitando sprechi di risorse e denaro. Al convegno milanese di Motore Sanità si discuterà di temi sensibili in questo senso, dai “farmaci orfani” (i medicinali per la cura di malattie rare, spesso caratterizzati da costi proibitivi) alle cure transfrontaliere, che sono sempre più richieste dai cittadini eppure spesso trovano le istituzioni ancora impreparate.

DIGITALE A RILENTO. Sul fronte della spesa, si rifletterà su una peculiarità della sanità italiana. Se infatti la nostra pubblica amministrazione fa sempre un maggior ricorso alle nuove tecnologie per ridurre costi e migliorare la propria efficienza, nella sanità digitale nel 2013 gli investimenti sono stati di 1,47 miliardi di euro, appena l’1,2 per cento della spesa sanitaria pubblica, meno del 4,6 per cento rispetto all’investimento del 2012. In questo panorama poco luminoso, però, troverà ampio spazio anche una case history in controtendenza, quella di “Appfacile”, lanciata dalla Asl Milano 1 e attiva dal 1° maggio 2015, in concomitanza con l’inaugurazione di Expo. Concepita inizialmente per i dispositivi Android, dal 26 giugno la app è disponibile anche su Apple store (come da schermata riprodotta qui sopra).

BASTA CODE. Trovarsi in un momento di emergenza senza sapere dove andare, o quanto tempo sarà necessario per ottenere una visita e una diagnosi medica è un problema davanti al quale ogni cittadino si è trovato almeno una volta nella vita. Appfacile, tramite la geolocalizzazione attiva ormai su qualsiasi smartphone, consente all’utente di conoscere in tempo reale la situazione di affollamento dei Pronto soccorso più vicini e di valutare subito dove recarsi per essere curato, evitando code o intasamenti. In questo modo, la Asl Milano 1 sta anzitutto offrendo un servizio utile al cittadino, ma al tempo stesso sta ottenendo un risparmio dei costi e del personale sanitario, grazie alla redistribuzione dei pazienti.

TURNI E PRENOTAZIONI. Non solo: la app consente agli utenti anche di contattare con facilità le farmacie aperte, notti o giorni festivi compresi. Permette inoltre di prenotare in modo semplice e veloce visite specialistiche e esami, di spostare o disdire gli appuntamenti, evitando lunghe attese al telefono. Appfacile è stata pensata non solo per i residenti, ma anche per i visitatori di Expo che si trovano a Milano per poco tempo, e offre una serie di informazioni utili ad accesso immediato. Venerdì mattina, dalle 9.30, il direttore generale della Asl Milano 1 comunicherà per la prima volta i dati dei primi due mesi di attività di questo servizio, che potrebbe fare da apripista per tutto il sistema sanitario italiano.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana