Google+

Così la relazione antimafia di Pisanu umilia i veri eroi della guerra ai clan

gennaio 26, 2013 Alfredo Mantovano

Il documento della Commissione antimafia sulla trattativa Stato-Cosa nostra salva Scalfaro e Ciampi e infanga Mori e il Capitano Ultimo

La relazione della Commissione antimafia sulla cosiddetta trattativa, approvata a legislatura più che scaduta, può così sintetizzarsi: se trattativa c’è stata, essa è avvenuta “all’insaputa” delle più alte cariche dello Stato di vent’anni fa. La ragione? Scalfaro, Amato e Ciampi – così si legge nel documento, redatto dal presidente Pisanu – hanno negato di averne sentito parlare, e la loro parola non può essere messa in dubbio. Sic! L’unico dato obiettivo su cui sarebbe stato interessante capire di più – la mancata proroga, alla fine del 1993, del regime di carcere duro per 334 mafiosi, di cui 23 di elevato spessore criminale – non trova spiegazione né nelle parole del ministro della Giustizia dell’epoca, Giovanni Conso, che pure aveva firmato i provvedimenti, né nelle dichiarazioni di Mancino, né in altri atti a disposizione della Commissione.

UN ERRORE POLITICO. Chi viene messo all’indice sono quei carabinieri che all’epoca avevano fatto conseguire allo Stato successi certi nel contrasto a Cosa nostra: Subranni, Mori, Ultimo. Con verbi al condizionale e con largo uso di avverbi come “forse”, la relazione ipotizza la “regia occulta” di Provenzano dietro l’arresto di Riina, e un negoziato alla base dei contatti che gli ufficiali del Ros ebbero con l’ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino. Il tutto senza che in Commissione Mori o De Donno abbiano mai avuto la possibilità di interloquire. Quando a Palermo le accuse di Ingroia naufragheranno, qualcuno dovrà restituire l’onore a chi, per catturare i latitanti e i capi di Cosa nostra, teneva contatti a rischio: certo, con esponenti mafiosi; chi altri avrebbe potuto fornire informazioni? Scambiare questa necessaria e ovvia attività di indagine per “trattativa” è stato fino a qualche giorno fa un grave errore giudiziario. Con la relazione dell’Antimafia è diventato anche un errore politico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana