Google+

Ryanair ci vorrebbe tutti senza bagaglio

agosto 1, 2013 Elisabetta Longo

Nel mondo ideale dell’ad di RyanAir Michael O’Leary, sull’aereo non si potrebbero portare bagagli. Così non ci sarebbe fila mentre si cerca il proprio posto e si stipa il tutto nelle cappelliere, e si risparmierebbe sul carburante, visto il peso minore. La compagnia aerea low cost prevede, in breve tempo, di aumentare le tariffe dei […]

Nel mondo ideale dell’ad di RyanAir Michael O’Leary, sull’aereo non si potrebbero portare bagagli. Così non ci sarebbe fila mentre si cerca il proprio posto e si stipa il tutto nelle cappelliere, e si risparmierebbe sul carburante, visto il peso minore. La compagnia aerea low cost prevede, in breve tempo, di aumentare le tariffe dei bagagli, anche per quelli a mano. Che comunque per essere imbarcati necessitano di particolari caratteristiche di dimensioni e peso.

BENZINA. In una conferenza stampa a Londra, l’ad ha spiegato anche che al momento i profitti della compagnia sono scesi causa del prezzo della benzina, e che quindi è necessario riaumentarli in qualche modo. Alzando le tariffe per i passeggeri, scoraggiandoli a portare più bagagli. «Continueremo ad alzare questi oneri, nel corso degli anni, fino a che non arriviamo a sbarazzarci dei bagagli». O’Leary ci vorrebbe tutti hippie e senza bisogno di abiti di ricambio probabilmente. Un’idea strampalata come quando aveva pensato di progettare un aereo con soli posti in piedi, perché a detta sua le cinture sono inutili.

MULTE. Questa settimana la compagnia ha anche ordinato ai suoi piloti di volare più lentamente, aggiungendo qualche minuto alla tratta, per risparmiare circa 70 milioni di sterline l’anno in costi di carburante. L’altro modo per incassare, per RyanAir, è passare attraverso la distrazione dei clienti. Dimenticarsi di stampare la carta d’imbarco costa una multa di 80 euro, e se per caso aveste scritto male il vostro nome di battesimo, cambiarlo correttamente vi costerebbe 120 euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana