Google+

Ryanair ci vorrebbe tutti senza bagaglio

agosto 1, 2013 Elisabetta Longo

Nel mondo ideale dell’ad di RyanAir Michael O’Leary, sull’aereo non si potrebbero portare bagagli. Così non ci sarebbe fila mentre si cerca il proprio posto e si stipa il tutto nelle cappelliere, e si risparmierebbe sul carburante, visto il peso minore. La compagnia aerea low cost prevede, in breve tempo, di aumentare le tariffe dei […]

Nel mondo ideale dell’ad di RyanAir Michael O’Leary, sull’aereo non si potrebbero portare bagagli. Così non ci sarebbe fila mentre si cerca il proprio posto e si stipa il tutto nelle cappelliere, e si risparmierebbe sul carburante, visto il peso minore. La compagnia aerea low cost prevede, in breve tempo, di aumentare le tariffe dei bagagli, anche per quelli a mano. Che comunque per essere imbarcati necessitano di particolari caratteristiche di dimensioni e peso.

BENZINA. In una conferenza stampa a Londra, l’ad ha spiegato anche che al momento i profitti della compagnia sono scesi causa del prezzo della benzina, e che quindi è necessario riaumentarli in qualche modo. Alzando le tariffe per i passeggeri, scoraggiandoli a portare più bagagli. «Continueremo ad alzare questi oneri, nel corso degli anni, fino a che non arriviamo a sbarazzarci dei bagagli». O’Leary ci vorrebbe tutti hippie e senza bisogno di abiti di ricambio probabilmente. Un’idea strampalata come quando aveva pensato di progettare un aereo con soli posti in piedi, perché a detta sua le cinture sono inutili.

MULTE. Questa settimana la compagnia ha anche ordinato ai suoi piloti di volare più lentamente, aggiungendo qualche minuto alla tratta, per risparmiare circa 70 milioni di sterline l’anno in costi di carburante. L’altro modo per incassare, per RyanAir, è passare attraverso la distrazione dei clienti. Dimenticarsi di stampare la carta d’imbarco costa una multa di 80 euro, e se per caso aveste scritto male il vostro nome di battesimo, cambiarlo correttamente vi costerebbe 120 euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download